Pubblicato il: 10 Luglio 2019 alle 17:16

AmiataCultura & Spettacoli

“Santa Fiora in musica” compie 20 anni: il programma dell’edizione 2019

La ventesima edizione avrà come direttore artistico il maestro Andrea Conti

Un antichissimo borgo orgoglioso della sua lunghissima storia di indipendenza e unicità, un contesto naturalistico di grande impatto, che attrae da sempre un turismo selezionato e non invasivo, una cittadinanza coesa, desiderosa di vincere, con curiosità e intelligenza, i tanti ostacoli che la storia le ha posto innanzi, la volontà di superare l’isolamento attraverso cultura e creatività, non compromessi: queste, fra tante, le ragioni che fanno del festival di Santa Fiora un originale unicum nel panorama delle tante iniziative estive dei borghi storici italiani.

Quest’anno reso ancora più ‘festival collettivo’ grazie alla presenza di vere e proprie chicche del virtuosismo internazionale che con la loro maestria sapranno offrire musica di alta qualità senza personalismi.

Un contesto nel quale si esaltano i filoni principali del festival e del paese stesso: la coralità, da sempre cifra stilistica di un borgo a tradizione agraria e operaia, a partire proprio dal Coro dei Minatori di Santa Fiora, vera bandiera della manifestazione e del paese da decenni; la musica per ottoni, evoluzione sofisticata, colta e trasversale della radicata tradizione bandistica italiana; la didattica vissuta come libera esperienza per futuri professionisti e dilettanti curiosi; infine, la ricerca internazionale di curiosità poco frequentate.

La ventesima edizione che avrà come direttore artistico il maestro Andrea Conti, primo trombone dell’orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, partirà quindi dall’auditorium della Peschiera con l’Orchestra Rinaldo Franci – Città di Siena il 17 Luglio, momento di coesione con una delle istituzioni musicali più prestigiose e radicate della Toscana, grazie alla sua lunga storia che copre 170 anni di intensa attività di formazione artistica e stretti rapporti internazionali con le migliori orchestre italiane ed europee e solisti di pregio.

La manifestazione prosegue il 20 luglio con il giovanissimo virtuoso svizzero del trombone Lionel Fumeaux in solo al Teatro Camilleri: Fumeaux è tra i solisti più premiati e stimati del panorama europeo e collabora con alcuni dei migliori ensemble del globo.

Sempre al Teatro Camilleri, il 24 luglio, si terrà il Leonard Bernstein Tribute del Gabriele Coen Quintet in omaggio a uno dei più grandi musicisti del Novecento, il grande compositore, pianista, direttore d’orchestra e didatta americano Leonard Bernstein. Il progetto, nato nel centenario della sua nascita e presentato in tutt’Europa, prende le mosse dalle canzoni più note di “West Side Story” (1957), tra cui “Maria”, “Tonight” e “Somewhere”, fino alla produzione meno nota di ispirazione ebraica, “Ilana the Dreamer”, “Yigdal” e “Chichester Psalms”. Grazie anche agli arrangiamenti di Andrea Avena, il rispetto e l’ammirazione per la musica di Leonard Bernstein si coniugano con il linguaggio dell’improvvisazione e del jazz in un incontro inedito che vuole far riscoprire l’attualità di queste immortali composizioni.

Il giorno seguente, in piazza Garibaldi, si esibiranno Marco Pierobon e Arcadia Wing Orchestra, un entusiasmante progetto di fiati in riletture intriganti del grande repertorio classico.

Il 27 luglio, i Gomalan Brass Quintet, in piazza del Borgo, stupiranno con l’eclettismo del loro indubbio virtuosismo che spazia dal Rinascimento alla Contemporanea con freschezza e disinvoltura.

Il 31 luglio, in Piazza Garibaldi, l’Italian Brass Band, grande ensemble di ottoni e percussioni, da sempre invitata nei migliori palchi europei e spesso presente alla platea televisiva italiana.

Il 2 agosto, invece, nella suggestiva cornice della Pieve delle Sante Flora e Lucilla, un inusuale duo con Luca Benucci, primo corno del Maggio musicale fiorentino, e Sara Otello all’arpa.

Il 3 agosto, in piazza del Borgo, lo spettacolo della corale Padre Corrado Vestri di Santa Fiora in “Te lo do io lo Swing”, che porta con ironia un modo diverso di fare musica corale popolare, tra folk e swing all’italiana.

Il 6 agosto, in piazza Garibaldi, il meraviglioso spettacolo “Sospensioni sonore”, prodotto da ResExtensa, realtà di danza e teatro nata in Puglia e sviluppatasi nel mondo per la sua capacità di creare poesie visive e sonore tra nuovo circo, danza contemporanea e tradizioni spettacolari religiose e pagane del mondo mediterraneo.

Il 12 agosto, all’auditorium della Peschiera, si avrà invece l’escursione contemporanea del quartetto Squirrel Beats di Anna Maria Della Valle e Paolo Corsini tra nujazz e drum’n’bass, in variazioni ed improvvisazioni elettroniche e non solo.

Il pomeriggio del 13 agosto, al teatro Camilleri, si terrà il concerto della classe di arpa guidata dalla docente Augusta Giraldi, mentre la sera, in piazza Garibaldi, l’Hyperion Tango Ensemble porterà Livin’ Tango, spettacolo di danza e musica, tra tradizione ed innovazione dell’immortale e popolare repertorio di Astor Piazzolla e la comunità tanguera internazionale.

Il 15 agosto, in piazza Garibaldi, si esibirà la Filarmonica Gioberto Pozzi di Santa Fiora e il 18 Agosto all’auditorium della Peschiera un altro ensemble swing ad invadere il piccolo borgo con il Nico Gori Swing 10tet tra evergreen e grandi classici della tradizione jazz americana.

Il 19 e il 20 agosto saranno invece dedicati rispettivamente al Quartetto Fiesolano al Teatro Camilleri, quindi al Quartetto Henao al convento della Santissima Trinità, dunque due prestigiosi gruppi da camera provenienti da istituzioni fondanti del panorama classico europeo: l’Accademia nazionale di Santa Cecilia e la Scuola di alta formazione di Fiesole.

Sempre tra le eccellenze mondiali degli ottoni, il 21 agosto, al teatro Camilleri, si esibirà il russo-israeliano, francese d’adozione, Sergei Nakariakov, considerato eccellenza assoluta della tromba nel mondo, che si esibirà in duo con Maria Meerovitch, pianista russa d’eccezione con una brillante carriera internazionale.

Il 22 e il 23 agosto saranno invece dedicati ai concerti dei gruppi didattici e dei docenti, nonché ai concerti per l’infanzia al Teatro Camilleri.

Infine, per celebrare i 20 anni del festival, il 25 agosto, in piazza Garibaldi, si avrà il recital di arie d’opera “Lirica sotto le stelle”, con ospite d’onore il baritono più importante degli ultimi 50 anni: Ambrogio Maestri, vera star internazionale e nome di culto assoluto per i melomani di tutto il mondo.

A contribuire alla riuscita del festival il Comune di Santa Fiora e il main sponsor Enel Green Power.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su