Pubblicato il: 4 Luglio 2019 alle 14:27

Cinema

“Roselle ArcheoFilmFestival”: un weekend di proiezioni nell’area archeologica

Un evento da non perdere inaugura le undici aperture straordinarie estive dell'area archeologica di Roselle

Un evento da non perdere inaugura le undici aperture straordinarie estive dell‘area archeologica di Roselle.

Da venerdì 5 luglio a domenica 7 luglio, alle 21.15 (ingresso libero), arriva nell’area archeologica nazionale, alle porte di Grosseto, il “Roselle Archeofilmfestival – Premio O. Fioravanti“, rassegna internazionale di cinema archeologico e ambientale pensata per il pubblico che ama viaggiare nel tempo.

In programma venerdì 5 luglio “Tutankhamon, i segreti del faraone”, del regista Stephan Mizelas. Il film indaga su una delle figure più note e discusse dell’antichità cercando di svelare chi fosse veramente: un fragile re bambino o uno spietato signore della guerra? Tre oggetti con cui il faraone riposa aiuteranno a rivelare il suo vero volto.

Con il secondo film, “Gladiatori il ritorno”, si entrerà in un altro anfiteatro, quello francese di Arles, dove il più famoso e cruento spettacolo dell’antichità viene raccontato dai registi Emmanuel Besnard e Gilles Rof in una versione ben più attendibile delle fantastiche interpretazioni hollywoodiane.

Tra una proiezione e l’altra, si svolgerà l’incontro/dibattito (condotto da Piero Pruneti, direttore di Archeologia Viva) con Maria Angela Turchetti, direttore della stessa area archeologica nazionale di Roselle.

La serata successiva di sabato 6 luglio tratterà i temi dell’origine dei giochi olimpici a Olimpia, santuario religioso e sito sportivo per quasi mille anni, e quello della realtà storica di Tirreno e Adriatico tra Focesi, Fenici ed Etruschi.

Infine, domenica 7 luglio il focus si incentrerà sulla vicenda del misterioso vulcano asiatico responsabile nel Medioevo di un catastrofico cambiamento climatico in tutto il continente europeo. Interverrà nella serata di sabato Simona Rafanelli, direttore del Museo civico archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia, mentre domenica sarà ospite della serata Carlo Citter, docente di Archeologia medievale all’Università di Siena.

Tutti i film concorrono per il premio “O. Fioravanti – Roselle 2019” al film più votato dal pubblico e per il premio “Progetto Roselle” della giuria scientifica presieduta da Andrea Zifferero (Università di Siena).

La manifestazione, inserita ne “Le notti dell’archeologia”, è organizzata da Archeologia Viva/Firenze Archeofilm in collaborazione con Comune di Grosseto, Area archeologica nazionale di Roselle, Polo museale della Toscana, Associazione M.arte e con la partecipazione di Banca Tema.

Tutte le sere, al termine delle proiezioni, brindisi finale per tutti offerto da La Selva.

Informazioni ai numeri 0564.102403 (Area archeologica nazionale di Roselle) e 380.1062486 (Pro Loco Roselle) o sul sito www.firenzearcheofilm.it.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su