CinemaCosta d'argentoCultura & Spettacoli

Torna il Pop Corn Festival del Corto: in concorso 20 film da tutto il mondo

Ecco il programma della manifestazione

Tutto pronto per la quinta edizione del Pop Corn Festival del Corto, l’evento internazionale dedicato alla cinematografia breve in programma dal 22 al 24 luglio a Porto Santo Stefano, sul promontorio dell’Argentario.

Il festival, sostenuto da Raffaella Carrà, grande amante del luogo e affezionata all’iniziativa, al punto da istituirvi un premio alla creatività, l’unico in Italia voluto da lei, proporrà proiezioni di film, eventi e incontri con ospiti del mondo cinematografico e artistico, trasformando il suggestivo piazzale dei Rioni, affacciato sul mare, in una piccola croisette di Cannes. “Legàmi, connessioni senza tempo”: è questo il tema dell’anno. In un mondo rapido e effimero, una riflessione sulle relazioni che vanno al di là del tempo e dello spazio.

Al centro dell’evento, organizzato da Associazione Argentario Art Day con il patrocinio e il contributo del Comune di Monte Argentario, il patrocinio di Regione Toscana e il contributo – tra gli altri –  di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Lux Vide, Banca Tema, Panalight, proporrà tre giorni di proiezioni gratuite con 20 film in concorso, di cui 14 corti d’autore e 6 opere prime, che arrivano dal Sundance Film Festival, dalla Mostra del Cinema di Venezia, dal Torino Film Festival e dalla Festa del Cinema di Roma; concorreranno, tra i vari riconoscimenti, al premio istituito dalla Carrà, musa d’elezione del festival. A presentare le serate, l’attore Andrea Dianetti, volto noto del cinema, della tv e del teatro.

L’inaugurazione si terrà venerdì 22 luglio alle 18.00 con la tavola rotonda alla presenza di istituzioni, ospiti, partner e sponsor al Boutique Hotel Torre di Cala Piccola a Porto Santo Stefano. Parteciperà la giuria del festival, presieduta da Federico Moccia e composta dal pluripremiato montatore Marco Spoletini, dall’esperta di marketing strategico presso Rai Cinema Manuela Rima, dal giornalista e critico cinematografico Carlo Griseri, dal direttore artistico di Sudestival Michele Suma e dal costumista e scenografo Stefano Giovani. Presenti all’inaugurazione anche il sindaco di Monte Argentario Francesco Borghini, gli assessori alla cultura Mirko Costaglione e al turismo Cinzia Fanciulli, la direttrice artistica del Pop Corn Francesca Castriconi, la giornalista Adriana Pannitteri. A coordinare l’incontro, la giornalista Claudia Catalli.

La prima sera in piazzale dei Rioni si inizierà alle ore 21.00 con un tributo a Raffaella Carrà. In programma la proiezione di “Carramba che Carrà”, in cui Adriana Pannitteri racconterà la regina della tv italiana, con la regia di Cinzia Perreca, alla presenza delle autrici. La serata continuerà poi tutta all’insegna della sezione “Corti d’autore” (il programma nel dettaglio è visibile su www.popcornfestivaldelcorto.it). Altri ospiti delle tre serate Edoardo Smerilli, autore del corto “Figlie delle stelle”; Cristiano Anania, distributore per Associak Distribuzione dei film “Don vs lighting”, “Footstep on the wind”, “Roy”, “Happy Marriage”; Federico Mottica, regista del cortometraggio “Lui“; Pier Francesco Bigazzi, autore del documentario “Ofelia”, Diego Bellante, montatore di “Notte Romana”; Laura Moraci, produttrice di “Acqua che scorre non porta veleno”.

Sabato 23 luglio ancora corti d’autore e una festa, a mezzanotte, sulla Spiaggia del Moletto in paese, per ascoltare un po’ di musica e passare del tempo in totale relax.

Sarà poi Sergio Iapino, compagno della cantante, ballerina, conduttrice e attivista, a consegnare il premio Raffaella Carrà, che mette in palio 4000 euro per il corto nato dall’idea più originale, nella giornata di premiazione che si terrà domenica 24 luglio. Il film vincitore verrà inoltre inserito nel programma di Sudestival, festival cinematografico con sede a Monopoli, gemellato con il Pop Corn. Confermati anche i riconoscimenti al miglior cortometraggio in ciascuna categoria, con 1000 euro ciascuno. Previsti inoltre i Premi Panlight, dal valore di 5000 euro e 3000 euro per il noleggio di attrezzature cinematografiche, oltre al riconoscimento del pubblico e al Premio Commissione pari opportunità del Comune di Monte Argentario.

“Siamo felici di essere giunti anche quest’anno all’avvio di una manifestazione a cui teniamo molto, il risultato di un lungo lavoro, che ci impegna ad esempio nella selezione tra 3500 film arrivati da 114 Paesi diversi – racconta Francesca Castriconi, ideatrice e direttrice del festival –. Adesso aspettiamo il pubblico, che ci ha sempre seguito con attenzione e curiosità, ripagandoci dei grandi sforzi per andare in scena. Un ringraziamento a tutti i partner, senza di loro non saremmo qui“.

Il programma

Scendendo nel dettaglio del programma, venerdì 22 luglio, dopo l’omaggio alla Carrà, si parte con “Big” di Daniele Pini (Italia, 2021, 14′), premiato alla Festa del Cinema di Roma: storia di Matilde, che ogni giorno scandaglia la spiaggia con un metal detector finché non farà un ritrovamento che le cambierà la vita; spazio poi al fantasy con “Indestructible” di Guillaume Biery (Francia, 2021, 7’58”), distopia urbana ambientata in un vecchio parcheggio sotterraneo.

E ancora: “Cineminha no beco” di Renato Oliveira (Brasile, 2021, 15′), documentario che racconta il Tiny Movie Theatre, progetto di cinema per i bambini delle favelas di Rio de Janeiro; il film d’animazione “Footstep on the wind” di Maya Sanbar, Faga Melo e Gustavo Leal (UK, Brasile, Usa, 2021, 7′), la vicenda di due giovani rifugiati con la colonna sonora originale di Sting, proiettato alla presenza del distributore Cristiano Anania; “Free Fall” di Emmanuel Tenenbaum (Francia, 2021, 19′), rilettura dell’attentato al World Trade Center premiata in Canada e negli Stati Uniti; “Lui” del regista ospite al festival Federico Mottica (Italia, 2021, 17′), storia di un incontro sullo sfondo dei Mondiali del 2006; “Azul” di Emilio Martinez Borso (Spagna, 2021, 12’37”), dalla Spagna uno spaccato di vita nel mondo del muay thay femminile.

Sabato 23 luglio la serata si aprirà alle 21.00, quando si susseguiranno sul grande schermo il commovente documentario “Ofelia” di Pierfrancesco Bigazzi (Italia, 2021; 11’19”), passato al Torino Film Festival, che sarà introdotto dall’autore; “Warsha” (Libano, 2022, 15′), inno alla libertà ad alta quota firmato dalla regista libanese Dania Bdeir, applaudito al Sundance; “Don VS lightning”, commedia del duo registico Big Red Button con al centro un anziano e scontroso scozzese che sembra attrarre naturalmente i fulmini (UK, 2021, 15′); “Techno, Mama”, spaccato della relazione tra madre e figlio della regista lituana Saulius Baradinskas (Lituania, 2021, 18′), presentato alla 78^ Mostra internazionale del Cinema di Venezia; “Notte romana” (Italia, 2021, 12′), storia d’amore impossibile tra un ragazzo borghese e una ragazza di periferia firmata da Valerio Ferrara e candidata quest’anno ai David di Donatello, che sarà introdotta al pubblico dal montatore Diego Bellante; “Iskra” di Adrian Replanski (Russia, 2021, 11′), dalla Russia, una storia tra strane epidemie e superstizione; “Figlie delle stelle” di Edoardo Smerilli (Italia, 2021, 15′), passato al Festival di Roma nella sezione Alice nella città, alla presenza del regista. A seguire sarà proiettato il videoclip della canzone di Lucio Corsi “Cosa faremo da Grandi”, alla presenza del video maker Tommaso Ottomano. 

Ultima giornata di eventi domenica 24 luglio. Alle 21.00 sarà il momento delle opere prime con  “Roy” di Tom Berkerley e Ross White (UK, 2021, 15′), un’improbabile amicizia tra un anziano solitario e la voce di un servizio di hotline, con l’iconico attore David Bradley, volto noto della saga di Harry Potter; “Acqua che scorre non porta veleno” (Italia, 2021, 10′) di Letizia Zatti, debuttato al Rome Independent Film Festival, alla presenza della produttrice Laura Moraci; “Dad’s sneakers” (Ucraina, 2022, 19′), lavoro del regista ucraino Olha Shurba, applaudito a Locarno, che segue le ultime ore del giovane Sasha in un collegio per bambini privi delle curi parentali, prima di essere adottato da una famiglia che forse lo porterà lontano; “U figghiu” di Saverio Tavano (Italia, 2021, 14’13”), gioco tra follia e realtà ambientato in un piccolo paese del Sud Italia; “Happy Marriage” (Pakistan, 2021, 10′), la vicenda di una donna transgender firmata della performer e regista pakistana Sana Jafri; “Abril” di Juan Carlos Canales Delgado (Spagna, 2021, 11′), racconto di un amore longevo e di complicità. Si prosegue con le premiazioni: sarà Sergio Iapino, compagno della cantante, ballerina, conduttrice e attivista, a consegnare il premio Raffaella Carrà, che mette in palio 4000 euro per il corto nato dall’idea più originale. Il film vincitore verrà inoltre inserito nel programma di Sudestival, festival cinematografico con sede Monopoli gemellato con il Pop Corn. Confermati anche i riconoscimenti al miglior cortometraggio in ciascuna categoriacon 1000 euro ciascuno. Previsti inoltre i Premi Panlight, dal valore di 5000 euro e 3000 euro per il noleggio di attrezzature cinematografiche, oltre al riconoscimento del pubblico e al Premio Commissione Pari Opportunità del Comune di Monte Argentario.

In linea con lo spirito dell’evento, il manifesto della quinta edizione è realizzato dall’artista californiano Tyler Spangler, che con la sua estetica fatta di colori saturi e vibranti, ispirata alla cultura punk e surf, ha realizzato collage digitali per clienti come Adobe, Hermès, Nike e Instagram. Tra le sue opere il Pop Corn ha scelto “Peaking Through”, uno sguardo che punta in alto, la vista come primo tra i sensi per connettersi con il mondo del cinema e con le persone.

Pop Corn Festival del Corto, ideato e diretto da Francesca Castriconi, è organizzato dall’associazione Argentario Art Day e realizzato con il patrocinio e il contributo del Comune di Monte Argentario, il patrocinio di Regione Toscana e il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Lux Vide, Banca Tema, Panalight e dell’artista Raffaella Carrà, che avendo partecipato in qualità di giurata ha scelto di sostenere l’iniziativa e il cinema italiano con l’unico premio che porta il suo nome. Non meno importanti le collaborazioni con Albiati Vivai, Joint Media, Rifipack e il Boutique Hotel Torre di Cala Piccola, Rotary Club Argentario, Maregiglio di navigazione srl, Agenzia immobiliare FF srl, Picchianti srl, Etrurialucegas spa, La Capannuccia Ristorante, Agenzia immobiliare Nazzareno orsini, gigmusicmachine.com, Ristorante La Goletta, Il Tempio Stabilimento Balneare, Officina meccanica Ambrogetti, Bar Giulia, Generali Agenzia di Grosseto e Alor Brokerage & Chattering.

Informazioni

popcornfestivaldelcorto@gmail.com 

www.popcornfestivaldelcorto.it

IG @popcorn_festivaldelcorto

FB @popcornfestivaldelcorto

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button