Pubblicato il: 26 Giugno 2020 alle 12:43

Cultura & SpettacoliGrosseto

Torna il festival “Music & Wine”: in programma quattro concerti alla Chelliana

Quattro serate dedicate al connubio al vertice fra la grande musica internazionale e i grandi vini

Una musica che è speranza, una musica che è pazienza… ma lui ce l’avrà fatta, la musica è passata”, recitano i versi di un celebre brano di Ivano Fossati. Versi quanto mai attuali in questa fase di lenta ripartenza dopo il doloroso lockdown imposto dalle norme per combattere la pandemia del Coronavirus.

E così anche la sessione estiva del trentesimo festival “Music & Wine”, organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Grosseto e dagli Amici del Quartetto, in collaborazione con la biblioteca comunale di Grosseto, ce l’ha fatta, pur con le limitazioni imposte dal periodo, a materializzarsi e a uscire dal salotto virtuale di “casa Lanzini”, il musicista grossetano direttore artistico e anima del festival stesso, che ha tenuto compagnia al pubblico nei mesi passati suonando on line in diretta dal proprio salotto di casa, per approdare a un salotto reale quale è il grazioso chiostro della biblioteca comunale Chelliana di via Mazzini a Grosseto.

Quattro serate dedicate al connubio al vertice fra la grande musica internazionale e i grandi vini del nostro territorio (come già era avvenuto nella passata stagione invernale al Museo di storia naturale) e che in questa occasione, non essendo possibile effettuare le consuete degustazioni, si svolgeranno con una veste diversa, ma simpatica e accattivante. In ogni serata infatti, prima del concerto, Elisabetta Ceccariglia di “Rosae Maris” presenterà alcuni fra i migliori vini del nostro territorio, dei quali poi al termine dello spettacolo ne verranno estratte a sorte tre bottiglie da donare al pubblico presente.

Dal punto di vista musicale, come di consueto il festival spazierà attraverso i vari aspetti della musica classica da camera, fra quella salottiera di fine Settecento ai Lied di Beethoven (del quale grande autore ricorre quest’anno il 250° anniversario della nascita), dalla musica da film fino alle più belle e conosciute melodie che radio, cinema e pubblicità hanno portato in tutte le case. Varie e accattivanti anche le formazioni musicali che si alterneranno durante le serate del Festival, dal Trio d’archi a quello di fiati, dal clarinetto al flauto alla fisarmonica, per concludersi con un classico duo formato da soprano e pianoforte.

“Il connubio tra musica e degustazione dei vini torna ad allietare anche l’estate 2020 e coinvolgerà Grosseto, i grossetani e i turisti che vorranno partecipare alle sempre piacevoli serate del ‘Music&Wine’ – dichiarano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il vicesindaco e assessore alla cultura, Luca Agresti -. Con una novità: quest’anno la cornice del festival sarà infatti la nuova biblioteca Chelliana, un palcoscenico che arricchirà la già valida proposta culturale. Quello del festival ‘Music&Wine’ è un appuntamento ormai molto atteso dal pubblico degli appassionati e un’occasione di intrattenimento importante per chi vorrà trascorrere qualche ora in compagnia della buona musica che spazia in vari generi e periodi della storia. E portarla in pieno centro storico, in un edificio storico ora sede rinnovata di un luogo di cultura e formazione per eccellenza quale la biblioteca è un valore aggiunto per la città e per la manifestazione”.

Entrando nel vivo del programma del festival, toccherà proprio a Giovanni Lanzini, insegnante e clarinettista grossetano molto conosciuto, oltre che animatore del festival, “dare il La” alla manifestazione martedì 14 luglio alle 21.15, quando si esibirà in Trio con i propri figli Michele al violoncello ed Elisa al violino (entrambi musicisti già affermati in ambito nazionale e internazionale), con un delizioso programma tutto dedicato alla “musica salottiera” fra il Settecento e l’Ottocento con pregevoli brani di Haydn, Mozart, Verdi e Mercadante, mentre il martedì successivo, 21 luglio, salirà sul palco del chiostro della Chelliana il Kaleidotrio formato da Yuri Ciccarese al flauto, Raffaele Bertolini al clarinetto e Gianni Fassetta alla fisarmonic,a che presenterà uno scoppiettante programma dedicato sia alla musica legata alla danza che al grande cinema.

Martedì 28 luglio saranno quindi protagoniste della serata le più belle e conosciute melodie, in un fantastico excursus che spazierà dalla musica rinascimentale fino ai Beatles e al pop contemporaneo, presentate dal magico flauto di Giovanna Savino e dalla chitarra di Angelo Olivieri.

Il gran finale è quindi previsto per sabato 1° agosto con la splendida voce del soprano Ilaria Iaquinta e con il pianoforte di Giacomo Serra (entrambi artisti del Teatro San Carlo di Napoli) con un grande omaggio al romanticismo e che spazierà dalle “Soirées Musicales” di Rossini ai Lied di Beethoven, per poi concludersi con i ritmi spensierati dell’operetta di Offenbach e con l’ironia di Satie.

L’ingresso è a pagamento (posto unico 10,00 euro) e, in ottemperanza alle disposizioni legate ai D.M. sul Covid-19, i posti a sedere molto contingentati e distanziati. I biglietti potranno essere acquistati esclusivamente on line contattando direttamente l’associazione Amici del Quartetto sia telefonicamente (tel. 333.9905662, anche WhatsApp) o per e-mail (amiquart@gmail.com).

Ulteriori informazioni sull’evento sul sito del festival, www.musicwinefestival.it, e sul sito della biblioteca Chelliana.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su