Castiglione della PescaiaColline MetallifereCosta d'argentoCultura & Spettacoli

Torna “I Luoghi del Tempo”: la dodicesima edizione del festival dedicata a Luciano Bianciardi

Ecco il programma completo della manifestazione

I Luoghi del Tempo“, nel 2022 alla sua dodicesima edizione, è un festival che, dal 2012, viene organizzato ogni anno all’interno del suggestivo territorio delle Colline Metallifere e della Maremma toscana.

Un festival per la Maremma e della Maremma, che vuole portare il proprio pubblico alla scoperta di bellezze nascoste, di luoghi poco conosciuti, ma di importante valore storico e paesaggistico.

Anche il programma del 2022, dedicato al centenario di Luciano Bianciardi, conserverà la filosofia del progetto che, nel desiderio di unire le arti dello spettacolo e la letteratura con la valorizzazione del territorio in ogni suo aspetto, vedrà iniziare tutti gli appuntamenti nelle ore del tramonto, con una scaletta quotidiana di eventi che darà la possibilità di entrare lentamente a contatto con l’ambiente circostante, in una complementarietà di generi – altro elemento caratterizzante del festival – e di linguaggi culturali; gli spettacoli musicali (che variano sempre tra classica, jazz, elettronica e musica popolare) verranno preceduti, infatti, da passeggiate o incontri insieme agli ospiti che parleranno di temi attuali e importanti o racconteranno storie legate al territorio.

Gli eventi saranno sempre conclusi con delle degustazioni di prodotti tipici, grazie alla sinergia e alla collaborazione con piccole aziende e produttori locali. “I Luoghi del Tempo” è un festival che fa della partecipazione attiva e diffusa un valore aggiunto e che guarda al dialogo tra le generazioni di artisti come un momento di arricchimento e di crescita; saranno infatti molteplici e diversi tra loro gli artisti che animeranno il ricco cartellone della manifestazione, alcuni nomi noti come Stefano Mancuso, David Riondino (storica presenza al festival), Ascanio Celestini, Giovanni Veronesi, Ginevra Di Marco, Boosta, Max Casacci, Marino Bartoletti, per citarne alcuni, e anche Musica da Ripostiglio, B.A.M., il nuovo talento del jazz italiano Michelangelo Scandroglio e il giovane rapper maremmano 2Mind.

Il festival nel corso degli anni ha ospitato nomi del calibro di Paolo Poli, Massimo Carlotta, Stefano Massini, Federico Rampini, Giorgio Albertazzi, Moni Ovadia, Giuseppe Cederna, Dario Vergassola, Sergio Staino, Tomaso Montanari, Stefano Bartezzaghi, Marco Risi, Andrea Purgatori, Mariangela D’Abbraccio, e molti altri.

“I luoghi del tempo” è organizzato dall’associazione M.Arte e realizzato con il sostegno della Regione Toscana, con il contributo e il supporto della Rete delle biblioteche e Archivi della Maremma, del Parco nazionale delle Colline Metallifere e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze; con la collaborazione del Main Sponsor Conad, Fondazione Luciano Bianciardi, Cesvot.

Coinvolge, nel 2022, i comuni di Castiglione della Pescaia, Gavorrano, Grosseto, Orbetello, Roccastrada, Scarlino. Si rinnova la collaborazione con Conad, che dimostra la sua attenzione al territorio ed alle sue eccellenze, prodotti locali che fanno parte integrante della nostra cultura e che assieme a Conad vengono valorizzati. La collaborazione assicura inoltre ai possessori di “Carta Insieme” uno sconto su tutti i biglietti del festival.

“Torna con questo festival uno dei lati della Maremma che amo di più, quello più riposto e segreto, delle emozioni e della fantasia, dei suoni e dei sapori, che ‘I Luoghi del Tempo’ sa esaltare ogni volta – dichiara il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. Sono particolarmente grato agli organizzatori di aver dedicato questa dodicesima edizione a un grande come Luciano Bianciardi, nel centenario della sua nascita, un intellettuale tanto scomodo quanto prezioso che con le sue idee, i suoi scritti, le sue battaglie e la sua capacità di denuncia si è distinto come una delle voci forse più libere, autentiche e innovatrici del Novecento italiano. Fuoco vivo, dunque, soprattutto per i giovani che, nonostante svariati film, sceneggiati e romanzi, non conoscono ancora molto bene la sua figura. Anche per questo motivo, dunque, auguro buon festival a tutti: un’occasione per tuffarsi nella Maremma che nutre l’anima”.

“Se pensiamo a cosa si intende per turismo consapevole – spiega Leonardo Marras, assessore al turismo della Regione Toscana – non possiamo non pensare al festival ‘I Luoghi del Tempo’, che tiene in sé il rispetto per la natura ed il desiderio di conoscere un territorio attraverso la sua storia, le sue tradizioni, i suoi sapori. L’offerta turistica toscana è sempre più caratterizzata da proposte legate alle esperienze e alle sensazioni dei visitatori ed in questo il festival resta costantemente attuale rinnovandosi un poco ogni anno. Trovo la scelta di dedicare questa edizione a Luciano Bianciardi un bellissimo omaggio ad una delle figure più rilevanti del nostro scenario culturale che, con le parole, ha saputo disegnare uno dei quadri più autentici della Maremma con le sue tante sfaccettature che sono al tempo stesso limiti e opportunità. È un modo anche per promuovere luoghi spesso poco conosciuti dai turisti come gli spazi delle ex miniere”.

La Rete grossetana delle biblioteche, archivi e centri di documentazione – aggiunge Emiliano Rabazzi, presidente della Rete grossetana delle biblioteche, degli archivi e dei centri di documentazione – rinnova con piacere il proprio sostegno al festival ‘I Luoghi del Tempo’, a maggior ragione quest’anno che è dedicato a Luciano Bianciardi, uno dei più importanti scrittori legati alla Maremma che fu anche direttore nella Bbblioteca Chelliana di Grosseto nel dopoguerra. Il festival si conferma, anno dopo anno, una manifestazione importante per riscoprire il territorio e luoghi poco conosciuti della Maremma attraverso storia, cultura, musica e arte, in compagnia di artisti, scrittori e musicisti. A nome di tutta la Rete mi unisco agli altri soggetti che sostengono il festival, con la Regione Toscana in primis, per ringraziare gli organizzatori e augurare a tutto il pubblico di vivere dei bei momenti con questa rassegna di rilievo sociale e culturale”.

“Il festival ‘I Luoghi del Tempo’ continua ad affascinare offrendo momenti unici in luoghi bellissimi e lo fa attraverso passeggiate nei sentieri e nei borghi della Maremma, incontri con artisti e autori, degustazioni e concerti – dichiara Lidia Bai, presidente del Parco nazionale delle Colline Metallifere -. I luoghi diventano teatro e si fondono con la proposta artistica. Il Parco nazionale delle Colline Metallifere ha da sempre sostenuto questo progetto proprio perché promuove la valorizzazione del patrimonio culturale, la sostenibilità ambientale, la lentezza e la bellezza. A maggior ragione quest’anno dato che il festival celebra Luciano Bianciardi, nel centenario dalla nascita. Proprio nel Parco, a Niccioleta e a Ribolla, sono previsti due degli eventi dedicati a Bianciardi, sottolineando il suo legame stretto con la miniera, oltre che con la Maremma, ed inserendo il festival nel ricco programma delle manifestazioni in onore del grande scrittore”.

“Questa dodicesima edizione di ‘I Luoghi del Tempo’ segna un ulteriore maturazione di una manifestazione che rappresenta ormai un appuntamento che, per la sua proposta di alto livello, riesce a richiamare un vasto pubblico che supera ampiamente i confini delle Colline Metallifere e della Maremma toscana – dichiara Luigi Salvadori, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze -. Molto opportunamente questa stagione è dedicata a Luciano Bianciardi, di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita. Un omaggio doveroso ad un grande cantore di questa terra di cui ancora si ricorda l’appassionata inchiesta sulle condizioni dei minatori del grossetano, scritta a quattro mani con Carlo Cassola. A Bianciardi sono dedicati tre appuntamenti che si alternano ad altri incontri con stimolanti personalità del nostro tempo, secondo un modulo assai efficace che armonizza il valore della proposta culturale con la bellezza dei luoghi che, di volta in volta, diventano il teatro di ciascun evento. Complimenti dunque agli organizzatori, che riescono a stupire ad ogni edizione e grazie ai tanti partner che credono fermamente nel progetto e affiancano la nostra Fondazione nel sostenerlo“.

“Il festival ‘I Luoghi del Tempo’, giunto ormai alla sua 12^ edizione, è per la Maremma un must irrinunciabile che ci dà la possibilità di scoprire angoli nascosti ed inusuali del nostro territorio – dichiara Elena Nappi, sindaco di Castiglione della Pescaia -. Un itinerario alla scoperta della nostra storia raccontato attraverso aneddoti, ricordi, ambienti suggestivi vissuti dai suoi protagonisti che ci regalano suggestioni, emozioni e sensazioni fuori dal tempo e ci immergono in nuove dimensioni. Quest’anno sono particolarmente orgogliosa, come sindaco, e soprattutto come assessore alla cultura di Castiglione della Pescaia, di avere l’opportunità di far conoscere uno dei luoghi più significativi della vita di Carlo Fruttero nel decennale della scomparsa: la sua casa immersa nella meravigliosa pineta di Roccamare. Un luogo incantato ed incantevole scelto da molti artisti come buon ritiro della loro esistenza per la pace e l’armonia con la natura che riesce a trasmettere. Un caloroso ringraziamento va a Lorenzo Luzzetti, eccellente direttore artistico di questa rassegna, e a tutti gli organizzatori e partner che la sostengono perché dimostrano di credere fortemente nei valori e nell’importanza della cultura come mezzo per migliorare la nostra società. Auguro, infine, a tutti di vivere questi momenti come un dono prezioso da raccontare”.

“La dodicesima edizione de ‘I Luoghi del Tempo’ l’abbiamo voluta dedicare a Luciano Bianciardi nel centenario della nascita e proprio dai pozzi minerari di Ribolla, luogo simbolico dell’opera bianciardiana, inizierà il festival il 28 maggio – spiega Lorenzo Luzzetti, direttore artistico della manifestazione –. Tre saranno gli appuntamenti dedicati allo scrittore grossetano, coscienza critica della società dei consumi e delle convenzioni sociali. ma anche brillante cronista e atipico giornalista sportivo. Nel suo segno, rispettando l’equilibrio ambientale di una Maremma lontana dai clamori estivi e da un turismo talvolta invadente, ci ritroveremo al tramonto per scoprire luoghi nascosti, ascoltare storie, sognare con musiche suggestive e, perché no, brindare alla ritrovata socialità con un bicchiere di ottimo vino”.

Il programma

Sabato 28 maggio – Ribolla, Pozzo Camorra – Bianciardi 100

Ore 18:00: “Bianciardi e i minatori di Maremma”, incontro con David Riondino (attore), Giovanni Guidelli (regista) e con Fabrizio Boldrini (storico). Coordina Flavio Fusi (giornalista).

Ore 19:00: concerto di Boosta.

Ore 20:00: aperitivo con prodotti tipici del territorio.

Domenica 29 maggio Roccamare (Castiglione della Pescaia)

Ore 18:00: passeggiata da Casa Fruttero con Giovanni Veronesi (regista) e Maria Carla Fruttero (scrittrice). che raccontano ”Roccamare , vacanze e cultura”. Coordina Enrico Pizzi (giornalista).

Ore 19:00: concerto di Musica da Ripostiglio con Giovanni Veronesi (voce narrante).

Ore 20:00: aperitivo con prodotti tipici del territorio.

Giovedì 2 giugno Niccioleta, miniera (Massa Marittima) – Bianciardi 100

Ore 18:00: incontro con Francesco Bianconi (musicista) e Alessandra Casini (direttrice Parco nazionale delle Colline Metallifere) “Bianciardi e la miniera” Coordina Fabio Canessa (giornalista). Presentazione del progetto “La teleferica” di Maurizio Orlandi e Romina Zago, a cura della Fondazione Luciano Bianciardi.

Ore 19:00: concerto di B.A.M (Banda Armata Maremmana).

Ore 20:00: aperitivo a cura di Melosgrano.

Ore 21:00: film “La vita agra” di Carlo Lizzani, con Ugo Tognazzi, Giovanna Ralli, Giampiero Albertini, Rossana Martini (100′, Italia, 1964).

Venerdì 3 giugno – Talamone – Margherita Hack 100

Ore 18:00: “L’ anima della terra vista dalle stelle”, passeggiata in ricordo di Margherita Hack con Ginevra di Marco (cantante), Francesco Magnelli (musicista) e Federico Taddia (giornalista) e con Antonio Cagnacci (associazione archeologica Odysseus) e Elisabetta Santarelli (guida turistica) Coordina Gabriele Rizza (giornalista).

Ore 19:00: concerto di Ginevra di Marco con Francesco Magnelli (tastiere) e Andrea Salvatori (chitarra).

Ore 20:00: aperitivo con prodotti tipici del territorio.

Sabato 4 giugno – Poggiotondo, località Pian d’Alma (Scarlino)

Ore 18:00: passeggiata con Stefano Mancuso (botanico, saggista), che parla del libro “La pianta del mondo”, e con Giacomo Radi (naturalista). Coordina Luca Mantiglioni (giornalista).

Ore 19:00: concerto di Max Casacci.

Ore 20:00: aperitivo con prodotti tipici del territorio.

Domenica 5 giugno Giuncarico – Gavorrano – Pasolini 100

Ore 18:00: passeggiata nel borgo con Ascanio Celestini (attore), che racconta Pasolini. e con Alessio Caporali (storico). Coordina Emilio Guariglia (giornalista).

Ore 19:00: “Pasolini Suite”, recital con Michelangelo Scandroglio (contrabbasso), Stefano Marini (chitarra) e Lorenzo Degl’Innocenti (voce recitante).

Ore 20:00: aperitivo a cura di Melosgrano.

Domenica 12 giugno Alberese, Granaio lorenese (Grosseto) Bianciardi 100

Ore 18:00: passeggiata con Marino Bartoletti (giornalista, scrittore), che racconta “Bianciardi al Guerin sportivo”, e con Lucia Matergi (direttore comitato scientifico Fondazione Luciano Bianciardi). Coordina Carlo Vellutini (giornalista).

Ore 19:00: concerto di 2Mind

Ore 20:00: aperitivo con prodotti tipici del territorio

Il centenario di Luciano Bianciardi

L’omaggio a Luciano Bianciardi, scrittore, traduttore e giornalista, una delle figure più particolari della letteratura italiana del secondo Novecento, sarà il fil rouge di tutto il festival che, nell’arco della maggioranza delle sue giornate, dedicherà interventi e produzioni specifiche proprio all’intellettuale grossetano, ma non solo. La manifestazione, infatti, vuole ricordare anche l’attività di Bianciardi come bibliotecario: Bianciardi fu direttore della Biblioteca Chelliana di Grosseto dal 1949 al 1954 e, tra le sue numerose iniziative, ci fu anche l’attivazione del servizio di bibliobus (un furgoncino che portava in lettura libri nelle frazioni e nei poderi sparsi). Nel ricordo di quella incredibile avventura, il bibliobus de “I Luoghi del Tempo”, organizzato in collaborazione con Grobac e Fondazione Luciano Bianciardi, conterrà circa 200 titoli selezionati dalla Biblioteca Chelliana di Grosseto. I libri potranno essere presi in prestito e riconsegnati entro 30 giorni in qualsiasi biblioteca facente parte della rete Grobac.  In programma anche la proiezione di “La vita agra” (Carlo Lizzani), giovedì 2 giugno.

Il festival, nell’anno del loro centenario, vuole ricordare anche altri due importanti personalità della cultura italiana, come Margherita Hack (venerdì 3 giugno con lo spettacolo “L’anima della terra vista dalle stelle”, insieme a Ginevra Di Marco e altri artisti) e Pier Paolo Pasolini (domenica 5 giugno con Ascanio Celestini).

I luoghi

Numerosi i luoghi visitati nelle passate edizioni – per citarne solo alcuni -, sono scavi archeologici romani ed etruschi a Talamone e Vetulonia, siti di archeologia industriale come Terra Rossa di Scarlino, la miniera Marchi a Ravi (Zavorrano), Casa Rossa Ximenes (Castiglione della Pescaia), il Giardino d’arte contemporanea Viaggio di Ritorno (Buriano) e molti altri.

Nel 2022 il festival toccherà il Pozzo Camorra di Ribolla, tristemente noto per la tragedia mineraria avvenuta nel 1954; Roccamare, la splendida pineta situata pochi chilometri a nord di Castiglione della Pescaia; Niccioleta, una delle ultime miniere di pirite attive nel massetano; la Rocca Aldobrandesca di Talamone; Poggiotondo (Scarlino), nel cuore della Via degli Etruschi; il borgo di Giuncarico; il Granaio lorenense di Alberese.

“I luoghi del tempo” e la redazione giovani

Il progetto “Prospettive”, cui partecipano come gruppo proponente M.Arte, Kansassiti aps, Arci Grosseto, ha come obbiettivo il coinvolgimento di giovani della provincia di Grosseto nella realizzazione e nella partecipazione ad eventi culturali, in particolare rassegne e festival di cinema, teatro, musica ed incontri letterari. Il gruppo di giovani, coordinati da Benedetta Rustici, coadiuverà l’organizzazione e la promozione del festival “I Luoghi del Tempo” anche attraverso l’uso dei linguaggi e degli strumenti più contemporanei e adeguati a un pubblico giovane, compresi i più importanti social network. “Prospettive” è uno dei cinque progetti vincitori del bando “Siete presente. Con i giovani per ripartire”, realizzato da Cesvot e finanziato da Regione Toscana-Giovanisì, dedicato a promuovere e qualificare il ruolo dei giovani nell’associazionismo toscano nonché di facilitare il ricambio generazionale all’interno delle organizzazioni.

Pacchetti turistici

Dal 2021 “I luoghi del Tempo”, insieme a VisitMaremma by Travel Today – tour operator ufficiale del Parco delle Colline Metallifere, offre una proposta che coniuga cultura e turismo, proponendo un’interessante scelta di pacchetti turistici. Prezzi e dettagli su www.visitmaremma.net

Informazioni generali, biglietti e prevendite

Biglietto € 5, ridotto € 3 per i possessori di Carta Insieme Conad e di Grosseto Card (Fondazione Grosseto Cultura).

Si prega di presentare le tessere all’ingresso degli eventi.

Prevendite: Iat Follonica, in via Roma 49 (Tel. 0566.52012). Prevendite online: www.festivaldimaremma.itwww.iluoghideltempo.it.

Si consiglia generalmente di vestirsi con abiti comodi e con scarpe adatte alla campagna.

Informazioni: Iat Follonica, via Roma 49 (Tel. 0566.52012). E-mail: maremmaarte@gmail.com

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button