Pubblicato il: 24 Luglio 2019 alle 14:09

GrossetoScuola

“Scuole sicure”: agenti in borghese e telecamere contro lo spaccio di droga

Grosseto è uno dei cento Comuni italiani vincitori del Fondo per la sicurezza urbana

Grosseto è uno dei cento Comuni italiani vincitori del Fondo per la sicurezza urbana per iniziative di prevenzione e contrasto dello spaccio di droga nei pressi degli istituti scolastici.

La Prefettura di Grosseto, soggetto titolato a ricevere la progettualità a riguardo, ha reso noto questa mattina che il Comune di Grosseto è risultato assegnatario di una somma di quasi 40mila euro destinata a realizzare campagne informative ed a intensificare i servizi di controllo della Polizia Municipale.

Abbiamo sottoscritto questa mattina, insieme al Prefetto, il progetto ‘Scuole sicure’ – spiega il sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna per contrastare lo spaccio e la diffusione della droga nei pressi e all’interno degli istituti cittadini. Ringrazio l’assessore Fausto Turbanti e il Prefetto per il raggiungimento di questo risultato. Il progetto si articola in diversi ambiti: ci sarà una componente ed educativa ed informativa nei confronti degli studenti da parte della Polizia Municipale, agenti in uniforme e in borghese stazioneranno nei pressi delle scuole per contrastare lo spaccio di stupefacenti, anche attraverso l’impiego di telecamere, sono in programma incontri nelle scuole per spiegare ai ragazzi delle superiori la nocività del consumo di droga. Inoltre, in questo progetto sarà impiegato il Nucleo cinofilo della Municipale“.

Il progetto, il cui costo complessivo supera i 51mila euro, sarà articolato in incontri formativi frontali in aula con personale della Polizia Municipale, medici e para-medici dell’Asl. In corrispondenza degli orari di entrata ed uscita degli studenti, in prossimità degli istituti superiori, gli agenti della Municipale effettueranno ripetute attività di osservazione mirata con uno specifico autoveicolo di servizio adibito ad ufficio mobile in modo da assicurare ampia percezione della presenza e svolgendo così azione deterrente preventiva. Verrà, inoltre, utilizzata una telecamera mobile ad elevato zoom per monitorare e documentare con l’attenzione e precisione del caso eventuali atteggiamenti sospetti. Ulteriore supporto all’attività in argomento potrà derivare dall’impiego della specifica unità cinofila antidroga.

L’ufficio mobile, dotato anche di apparecchi di controllo personale “precursori drogatest“, sarà posizionato anche vicino alle stazioni di trasporto pubblico per assicurare un maggiore contrasto all’attività illecita. Possibili anche controlli in borghese ed in radiocollegamento con la centrale operativa, per l’individuazione di eventuali spacciatori.

Massima attenzione per i luoghi più sensibili della città, in questo caso le scuole cittadine – commenta Fausto Turbanti, assessore alla sicurezza -. Vogliamo che i nostri ragazzi vivano in una città sicura, proprio come abbiamo dimostrato in questi tre anni di mandato, intensificando i controlli nei punti frequentati dai giovani, dove abbiamo impiantato anche sistemi di videosorveglianza di ultima generazione“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su