Pubblicato il: 24 Ottobre 2019 alle 14:07

AmbienteCosta d'argento

Progetto “Ensamble”: la delegazione corso/italo/tunisina in visita in Maremma

Obiettivo generale del progetto "Ensamble" è la promozione e lo sviluppo della Blue Economy nel Mediterraneo

Dopo tre giorni trascorsi in Corsica, la delegazione corso/italo/tunisina del progetto “Ensamble” fa tappa in Italia con un programma intenso e finalizzato a dare seguito ad uno scambio di conoscenze ed esperienze nell’ambito del pescaturismo e dell’ittiturismo.

Obiettivo generale del progetto “Ensamble” è la promozione e lo sviluppo della Blue Economy nel Mediterraneo, attraverso una stretta collaborazione tra attori marittimi pubblici e privati, coordinati dal Flag “Costa degli Etruschi”. Il progetto include nella sua partnership associazioni professionali di pesca, piccole e medie imprese di pesca e acquacoltura, Comuni e sindacati della pesca. Nel progetto anche Petra Patrimonia Corsica, cooperativa innovativa con sede nel Mediterraneo, Legambiente Toscana, Wwf Nord Africa e il sostegno del Ministero tunisino della pesca e dell’agricoltura.

La due giorni italiana è iniziata questa mattina dalla cooperativa dei pescatori di Orbetello con una visita nei locali in cui il pescato viene trasformato e, successivamente, con l’appuntamento nella storica sede di Orbetello, in cui la delegazione ha avuto la possibilità di conoscere più da vicino le attività di pesca in laguna e le tradizioni ad essa legate e di degustare i prodotti tipici locali. In programma anche un’uscita in battello alla volta della laguna della cittadina del sud della provincia di Grosseto, una visita alla Diaccia Botrona in compagnia del vicesindaco e assessore all’ambiente del Comune di Castiglione della Pescaia, Elena Nappi, una visita al Parco della Maremma con la presidente Lucia Venturi ed altri appuntamenti sul territorio volti a dare seguito ad una metodologia veramente partecipativa grazie alla quale facilitare da parte di alcune comunità di pescatori del Nord Africa la creazione di una strategia basata sul Clld e lo scambio di buone pratiche con Italia e Francia, territori in cui l’approccio Clld è già sviluppato.

Co-finanziato dal fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (Feamp), il progetto “Ensamble” darà inoltre seguito allo sviluppo di progetti pilota per mettere in pratica quanto appreso in occasione degli scambi già effettuati e in programma nei prossimi mesi.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su