Economia

Proclamato uno sciopero dei distributori di benzina dal 12 al 14 dicembre

Figisc/Anisa Confcommercio, Faib Confesercenti e Fegica Cisl hanno indetto da mercoledì 12 a venerdì 14 dicembre uno sciopero dei distributori di benzina in cui non saranno garantiti i livelli minimi di servizio.

La chiusura riguarderà sia gli impianti della rete stradale ordinaria, che resteranno fermi dalle 19.30 di martedì 11 dicembre alle 7 di venerdì 14 dicembre, sia quelli della rete autostradale, dalle 22 di martedì 11 dicembre alle 22 di giovedì 13 dicembre.

Inoltre, mercoledì 12 dicembre si terrà una manifestazione nazionale con il presidio della piazza di Montecitorio, di fronte alla Camera dei Deputati, mentre dal 24 al 30 dicembre i distributori di carburante non accetteranno pagamenti con moneta elettronica, come bancomat o carte di credito.

Lo sciopero vuole porre l’accento sulla mancata attuazione dell’articolo 34 della legge 183/2011 che prevede la gratuità delle carte di pagamento, uno strumento previsto da oltre un anno, ma che finora è stato boicottato dai sistemi bancari.

Domani, si svolgerà un incontro tra il Sottosegretario al Ministero dello sviluppo economico e le parti in causa per scongiurare la serrata, ma in caso di mancato accordo, lo sciopero, proclamato contro il Governo e contro le compagnie petrolifere, sarà confermato.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button