Economia

Previsioni di assunzione in Maremma: in aumento le difficoltà di reperimento dei profili cercati. Tutti i dati

Situazione difficile per edilizia e turismo-ristorazione

Le opportunità di lavoro offerte dalle imprese con sede in provincia di Grosseto sono oltre 1.200 nel solo mese di ottobre e circa 3.000 nel trimestre ottobre-dicembre, valori in lieve ascesa rispetto al periodo precedente.

Il tempo determinato si conferma la forma contrattuale maggiormente proposta dalle imprese (60% del totale). Seguono i contratti a tempo indeterminato (15%), gli altri contratti alle dipendenze (8%) e non alle dipendenze (6%), i contratti di somministrazione e apprendistato (5%) ed infine i contratti di collaborazione (1%).

In aumento la percentuale di assunzioni a tempo determinato e con altre forme contrattuali alle dipendenze. Si riducono le entrate di personale a tempo indeterminato, in apprendistato e con altre forme contrattuali non alle dipendenze.

Cresce l’interesse delle imprese verso i giovani under 30 (33% del totale entrate), tanto che la quota di assunzioni previste arriva a superare la media regionale (31%) e nazionale (32%).

Le figure professionali più richieste: cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici; operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici; commessi e altro personale qualificato in negozi ed esercizi all’ingrosso; conduttori di mezzi di trasporto; personale non qualificato nei servizi di pulizia e in altri servizi alle persone e personale di amministrazione, di segreteria e dei servizi generali.

Continuano a crescere per le imprese le difficoltà di reperimento dei profili cercati: ad ottobre le criticità riguardano più della metà delle assunzioni previste (54%) superando il dato medio della Toscana (50%) e nazionale (45%).

I più difficili da reperire: operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici (introvabili oltre 7 su 10); tecnici della sanità, dei servizi sociali e dell’istruzione; operai specializzati e conduttori di impianti nell’industria alimentare; operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche, richiesti anche in altri settori; cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici e conduttori di mezzi di trasporto. Alle figure appena citate si associa un tasso di irreperibilità che va oltre il 60%; una situazione praticamente insostenibile per le imprese dell’edilizia, del turismo e della ristorazione, dove i fabbisogni sono più elevati.

Nella maggior parte dei casi il personale non si trova per mancanza di candidati. La percentuale con cui quest’ultimi presentano una preparazione inadeguata è particolarmente elevata nel caso di: operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche, richiesti anche in altri settori; commessi e altro personale qualificato nella grande distribuzione, operatori della cura estetica e personale di amministrazione, di segreteria e dei servizi generali.

Nella maggior parte dei casi le imprese non chiedono un titolo di studio specifico (46%), ma quando lo fanno preferiscono il diploma quinquennale (29%) oppure la qualifica di formazione o diploma professionale (16%). I laureati costituiscono il 9% del fabbisogno occupazionale delle imprese, quota in calo rispetto a settembre.

Gli indirizzi più richiesti: per il diploma indirizzo turismo-enogastronomia-ospitalità e amministrazione-finanza-marketing; per la laurea l’indirizzo economico e chimico-farmaceutico; per qualifiche e diplomi professionali gli indirizzi ristorazione, edile e servizi di vendita.

Le imprese segnalano difficoltà di reperimento più elevate per i seguenti titoli/indirizzi di studio: laureati ad indirizzo economico; diplomati ad indirizzo turismo-enogastronomia-ospitalità e costruzioni-ambiente-territorio; diplomi / qualifiche professionali a indirizzo ristorazione.

Sono queste alcune delle tendenze che emergono dall’indagine Excelsior relativa ai fabbisogni occupazionali previsti delle imprese dell’industria e dei servizi con sede in provincia di Grosseto con riferimento al trimestre ottobre-dicembre 2022.

Tutti i bollettini provinciali, contenenti le infografiche di sintesi dei principali risultati delle indagini e le informazioni sulle stesse, sono consultabili sul sito camerale nella sezione appositamente dedicata ad Excelsior, un progetto Unioncamere-Anpal.

Link ai bollettini

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button