“Da Cellere a Capalbio”: la storia del brigante Tiburzi arriva a Manciano

Un pomeriggio dedicato alla storia del brigante Domenico Tiburzi, raccontata in ottava rima da Giuseppe Bellucci con il contributo di Mariangela Serra nel libro “Da Cellere a Capalbio”, edito da Archeoares.

L’appuntamento è per venerdì 22 giugno, alle 17.30, alla biblioteca comunale “Antonio Morvidi” di Manciano. Il volume rievoca le gesta del leggendario fuorilegge maremmano.

Sono trascorsi oltre cento anni dalla scomparsa di Tiburzi – si legge nella descrizione, ma lui rimane per tutti la leggenda vivente della Maremma. Si racconta che nelle notti di luna piena, battute dal vento gelido di tramontana, a cavallo di un argenteo sauro maremmano, il ‘re di Montauto e del Lamone’ guadi ancora il fiume Fiora in cerca di un rifugio, in cerca di pace, in quelle macchie sperdute che l’avevano visto dominatore incontrastato nella sua vita avventurosa ed errabonda, durata ben ventiquattro anni. Anni difficili che vanno dalla fuga dalle saline di Tarquinia (1872), alla morte nel casale delle Forane presso Capalbio (1896), senza considerare il periodo trascorso in libertà dall’omicidio di Angelo del Buono (24 ottobre 1867) alla sua cattura (15 settembre 1868), in piena epoca pontificia. Un brigante vissuto tra ‘due regni’, come ci piace ricordarlo, da Pio IX, sovrano dello Stato della Chiesa a Vittorio Emanuele II, re d’Italia”.

L’introduzione è di Romualdo Luzi, il disegno di copertina e le illustrazioni interne sono dell’autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top