Pubblicato il: 15 Dicembre 2016 alle 10:55

AmiataCultura & Spettacoli

“Il secondo figlio di Dio”: Simone Cristicchi presenta ad Arcidosso il suo primo romanzo

Venerdì 16 dicembre, Simone Cristicchi, il cantautore e attore romano, presenta ad Arcidosso il suo primo romanzo “Il secondo figlio di Dio. Vita, morte e misteri di David Lazzaretti, l’ultimo eretico”, edito da Mondadori.

L’autore incontrerà il pubblico, alle 17, nella sala letture della biblioteca comunale, in piazza Indipendenza 30, e sarà intervistato da Fiora Bonelli, giornalista.

È passato poco tempo da quando Cristicchi, lo scorso agosto, ha curato la direzione artistica di “Narrastorie”, il primo Festival del racconto di strada ad Arcidosso, una bellissima manifestazione, organizzata dal Comune, che ha trasformato il caratteristico borgo in un vero e proprio teatro a cielo aperto. In questo momento, l’artista sta girando i teatri italiani e non solo con uno spettacolo teatrale sempre dedicato alla vita del Lazzaretti, per il quale recentemente è stato ospite nella trasmissione televisiva “Domenica In” di Pippo Baudo, in onda su Rai Uno.

Durante questo tour, Cristicchi torna sull’Amiata, ad Arcidosso, per parlare del suo romanzo sulla storia di David Lazzaretti, frutto di anni di studi e ricerche appassionate, che ha deciso di raccontare dal punto di vista inedito di Antonio Pellegrini, il militare che sparò al Cristo dell’Amiata. Nel romanzo si ripercorre una storia meravigliosa e incredibile che, come nella trama di un giallo, culmina in un crimine dai risvolti ancora misteriosi.

Questa sera, Cristicchi sarà al teatro di Abbadia San Salvatore per esibirsi in concerto insieme ai “Leggera Electric Folk Band”, formazione amiatina, unica nel suo genere, che coniuga la musica rock ai canti popolari toscani.

Il libro

E io, David Lazzaretti, l’ho ammazzato. Ma al posto suo, il 18 agosto 1878, ai piedi del monte Labbro sono morto io“. Simone Cristicchi racconta l’incredibile storia di David Lazzaretti, il mistico ed eretico cristiano che all’alba delle prime pulsioni repubblicane in Europa fondò la Chiesa giurisdavidica. Dopo aver narrato la fantasia dei matti, la tragedia dei soldati italiani in Russia e il genocidio degli italiani d’Istria, il cant-attore romano riporta alla luce una vicenda meravigliosa e coinvolgente, intrisa di utopia e spiritualità, sporca di sangue e misteri ancora da chiarire, infilandosi nei panni di Antonio Pellegrini, il militare che sparò al Cristo dell’Amiata.

David Lazzaretti nacque nel 1834 ad Arcidosso, in una Toscana matrigna e madre, terra di indigenza e sfruttamento, più vicina al Medioevo che al Rinascimento. Barrocciaio per necessità, fin da ragazzo venne assalito da febbri e visioni mistiche che lo portarono a elaborare un personalissimo percorso spirituale nel seno della Chiesa cattolica. Il simbolo della sua missione era formato da due C contrapposte con la croce nel mezzo, l’annuncio di un nuovo Cristo in arrivo.La sua predicazione richiamò migliaia di persone tra la Toscana e la Sabina, in una convivenza armoniosa che si rifaceva alle prime comunità cristiane in cui solidarietà, uguaglianza e istruzione erano le fondamenta, e il lavoro in comune un mezzo per elevare lo spirito. Se da una parte fu perseguitato dalla Legge e considerato un pazzo sovversivo, dall’altra l'”Uomo del mistero” conquistò seguaci e protettori tra nobili, intellettuali e alti prelati – anche in Francia, dove vennero pubblicati i suoi libri – godendo del sostegno sia di don Bosco sia di Pio IX.Ma il suo messianesimo mise in allerta sia la Chiesa di Roma che il neonato Stato italiano. Il 18 agosto del 1878 la pallottola di un carabiniere pose fine alla sua esistenza.

Per maggiori informazioni, è possibile consultare il link http://www.librimondadori.it/libri/il-secondo-figlio-di-dio-simone-cristicchi.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su