Pubblicato il: 6 Aprile 2017 alle 15:37

AmiataEconomia

Aree geotermiche: ad Arcidosso presentato il Fondo di garanzia per le imprese

Ieri, nella sala consiliare del Comune di Arcidosso, il Consorzio per lo sviluppo delle Aree geotermiche (Cosvig) ha presentato il nuovo progetto “Fondo di garanzia per investimenti e liquidità” destinato alle imprese dei territori geotermici toscani, creato utilizzando le risorse del fondo geotermico messe a disposizione dai singoli Comuni.

All’incontro pubblico sono interventi, per Cosvig, l’amministratore unico Piero Ceccarelli e il direttore generale Sergio Chiacchella, il sindaco di Arcidosso Jacopo Marini e il dirigente di Fidi Toscana Gian Luca Sbrana, che ha spiegato il progetto nel dettaglio.

Il Fondo di garanzia prevede agevolazioni per aiutare le imprese delle aree geotermiche ad accedere al credito. Le risorse sono state messe a disposizione dai Comuni soci del Consorzio; si tratta di 4 milioni di euro a cui verrà applicato un moltiplicatore pari a 5, per attivare 20 milioni di euro in  mutui e prestiti. Il soggetto gestore sarà Fidi Toscana, società alla quale dovranno essere inviate le domande di ammissione al contributo.

Finalità

Il fondo è utilizzabile per nuovi investimenti, per quelli già sostenuti negli ultimi 36 mesi e per la liquidità finalizzata all’attività aziendale. Le garanzie fornite gratuitamente alle imprese andranno a coprire, per quanto riguarda gli investimenti, l’80% dell’importo, mentre per la liquidità il 60%, fino a un massimo di 1.200.000 euro.

Le banche che al momento hanno dichiarato di aderire sono: Cassa di Risparmio di Volterra, Banca Tema, Monte dei Paschi di Siena e la Cassa di Risparmio di Firenze. Altre banche possono ancora aderire.

Le agevolazioni saranno erogate in regime de minimis e quindi potranno usufruirne anche le imprese agricole.

Dalla prossima settimana tutte le informazioni saranno disponibili sul sito http://www.fiditoscana.it.

L’amministrare unico di Cosvig, Piero Ceccarelli, a margine della presentazione, ha posto l’attenzione sulla viabilità che interessa i territori dell’area geotermica, con particolare riferimento alla strada del Cipressino nell’Amiata grossetana. “Una grande questione – ha sottolineato Ceccarellisulla quale occorre lavorare tutti insieme per rendere l’Amiata meno lontana dai grandi centri della Toscana e non solo”. Proprio su questo verterà una riunione convocata dalla Regione Toscana, per fare il punto sullo stato dell’arte del progetto e per definire un quadro in cui Cosvig possa operare.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su