Progetto Stilnovo: il Caseificio sociale Manciano premiato da Legambiente

Premio Legambiente per il progetto “Stilnovo, sostenibilità e tecnologie innovative per la filiera latte ovino” del Caseificio sociale Manciano dedicato alla sostenibilità ambientale e al miglioramento della qualità del latte ovino, inserito fra le cento storie premiate nei giorni scorsi a Roma in occasione della presentazione del dossier di Legambiente sui Comuni rinnovabili.

Il progetto, inoltre, sarà uno dei protagonisti del workshop “Il Psr Toscana 2014-2020 a sostegno del cibo di qualità”, in programma sabato primo dicembre, a partire dalle 9, alla Stazione Leopolda di Firenze, nell’ambito di Food&Wine in Progress, la rassegna enogastronomica organizzata dall’Unione regionale cuochi toscani e da Ais, Associazione italiana sommelier toscana e in programma nel capoluogo toscano sabato primo e domenica 2 dicembre.

Il workshop sarà dedicato ai progetti per la qualità dei prodotti agroalimentari toscani sostenuti dalla Regione Toscana attraverso i fondi Pif, Progetti integrati di filiera, e Psr, Programma di sviluppo rurale 2014-2020.

L’iniziativa – che fa parte delle attività promosse dalla Regione Toscana in occasione dell’Anno del cibo italiano 2018 proclamato dai Ministeri dell’agricoltura e dei beni culturali – dedicherà spazio al progetto “Stilnovo” intorno alle 10, con gli interventi di Carlo Santarelli, presidente del Caseificio sociale Manciano, e di Marcello Mele, responsabile del Centro di ricerche agro-ambientali ‘E. Avanzi’ dell’Università di Pisa e coordinatore del gruppo di lavoro scientifico che ha coinvolto anche la Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e l’Università di Firenze. Il workshop coinvolgerà anche altri progetti dedicati a prodotti toscani e, dopo gli interventi di Stefano Ciuoffo, assessore alle attività produttive, al credito, al turismo, al commercio della Regione Toscana, e di Marco Remaschi, assessore all’agricoltura della Regione Toscana, si chiuderà, intorno alle 12, con un contest show e la degustazione di finger food dei prodotti protagonisti del workshop, tra cui i formaggi del Caseificio Sociale Manciano.

Il progetto Stilnovo, che si è concluso lo scorso luglio, ha rappresentato un’esperienza pilota che ha coinvolto nove soci allevatori del Caseificio sociale Manciano e si è avvalsa del contributo scientifico dei tre atenei toscani. Il progetto è nato dall’esigenza di migliorare la sostenibilità economica e ambientale della filiera del latte ovino in Toscana, sia nella fase di allevamento e produzione primaria che in quella di trasformazione.

L’iniziativa, cofinanziata dal Psr Feasr 2014-2020 della Regione Toscana – Bando relativo ai “progetti integrati di filiera” Pif sottomisura 16.2, ha permesso di introdurre pratiche innovative nella trasformazione del latte e nella gestione del gregge e delle risorse foraggere puntando a migliorare e rendere più sostenibile la produzione di latte; prolungare il periodo di pascolamento introducendo essenze autoctone; avere disponibilità di latte per quasi tutto l’anno rispetto ai 7-8 mesi attuali; aumentare la redditività delle aziende e dei prodotti e garantire una migliore sostenibilità del comparto, a livello ambientale ed economico. A questo si è unita l’introduzione di pratiche innovative per il trattamento in crosta e l’analisi del latte e del formaggio in tempi diversi di stagionatura.

Per approfondire il progetto, è possibile visitare anche il sito del Caseificio sociale Manciano, www.caseificiomanciano.it, nella sezione dedicata a Stilnovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top