Home Colline del Fiora Modifica al Piano operativo, Pallini: “Ottima possibilità per strutture e aziende agricole”

Modifica al Piano operativo, Pallini: “Ottima possibilità per strutture e aziende agricole”

di Redazione
0 commento 19 views

“Abbiamo modificato il nostro Piano operativo per poter dare la possibilità alle strutture ricettive e alle aziende agricole, che posseggono i requisiti, di realizzare l’agricampeggio anche in area Arpa“.

Con queste parole l’assessore all’urbanistica del Comune di Manciano, Luca Pallini, spiega la delibera approvata in Consiglio comunale che coinvolge il Piano operativo del Comune, approvato e conformato al Pit nel marzo 2018 e che conteneva il riferimento al divieto di realizzare strutture di agricampeggio all’interno delle Arpa (Aree di ridotto potenziale antropico).

Questa amministrazione – afferma Pallini ha voluto fortemente la modifica del Piano operativo per permettere agli imprenditori di intraprendere la strada dell’agricampeggio, come ulteriore spinta economica e turistica per il nostro territorio. Considerando che ad oggi, in Toscana sono attivi circa 4.500 agriturismi con una superficie media di 9 ettari e gli agricampeggi censiti sono poco più di un centinaio, l’amministrazione crede fortemente che, consentendo l’intercettazione di questo target di ospiti ad oggi poco considerato nell’ospitalità agrituristica, si agevolerebbe la conoscenza di tutto il territorio, e si permetterebbe, conseguentemente, una diversa distribuzione dell’indotto derivato dal turismo. La differenziazione dell’offerta di mercato è fondamentale e per far conoscere e valorizzare al meglio il nostro territorio è importante mettere a punto proposte integrate di accoglienza.

Considerando anche le eventuali attività di agriristoro o di vendita di prodotti propri delle aziende che saranno in qualche modo poste nelle immediate vicinanze, l’intervento darà la possibilità di incrementare la redditività delle aziende agricole poste in aree particolari e darà la possibilità al visitatore di conoscere a fondo anche i luoghi meno conosciuti o meno turistici. In sostanza, si tratta di orientare, in maniera democratica e per tutti senza creare distinzioni, una tipologia di attività che risponde all’esigenza di consentire agli imprenditori agricoli della zona di partecipare a circuiti nazionali e regionali finalizzati alla promozione della propria azienda. L’imprenditore agricolo può far conoscere i propri prodotti in vendita e le altre eventuali attività agrituristiche, svolgendo un ruolo di protagonista per la valorizzazione e fruizione del territorio tramite itinerari e mete turistiche dedicate. Lo scopo è quindi quello di favorire la scoperta del territorio da parte di un nuovo tipo di utenza, attraverso una capillare valorizzazione del ventaglio di possibilità, con la proposta di luoghi attrezzati e soprattutto sicuri per la sosta, anche nei periodi di bassa stagione. Non va poi dimenticato anche il fattore sicurezza: la possibilità di avere aree attrezzate per il camping escluderà, o per lo meno ridurrà, il fenomeno del campeggio abusivo, con tutti i pericoli che ne conseguono come incendi o inquinamento”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy