Cultura & Spettacoli

Progetto “Ricerca del territorio popolare”: i Pici ‘Gnoranti al Parco della Maremma

Dopo il “Giardino popolare” di Roselle, il gruppo di cantori popolari dei Pici ‘Gnoranti continua con la sua fase progettuale, che dispone di una ricerca di situazioni nuove (non sempre musicali), soprattutto dal punto di vista cultural-popolare.

Quindi, sulla falsa riga del progetto precedente, questa volta sono partiti con un altro orientamento progettuale, definito “la ricerca del territorio popolare” .

Qui si intende valorizzare la storia e l’identità socio-culturale del territorio della Maremma, stimolando così il senso di appartenenza alla nostra comunità.

E’ stata scelta la data di metà settembre come punto di riferimento annuale per dare quella ‘particolare’ conoscenza del Parco della Maremma con le sue sculture naturali date dall’immensa pineta, dai suoi alberi e dalle visioni artistiche delle onde del mare con il ‘tramonto orizzontale’ rispetto al Parco”, spiegano i Pici ‘Gnoranti.

Evidente quella musicalità-territoriale-naturale ricercata dal gruppo di cantori-ricercatori popolari. Oramai i Pici ‘Gnoranti sono lanciati su questi tipi di progetti, volti a favorire soprattutto la conoscenza della cultura a tutto tondo e delle tradizioni dell’intera comunità, senza cancellare l’identità maremmana e popolare.

“Siamo qui per stimolare il senso di appartenenza dei nostri concittadini alla realtà in cui vivono, creando i presupposti per creare maggior coesione in un territorio così ampio, vario ed eterogeneo come quello del Parco della Maremma. La conoscenza del territorio, infatti, rappresenta una proficua sorgente di apprendimento per tutti, soprattutto se tende alla ricerca delle radici di una memoria storica e collettiva comune da condividere, considerando che la comunità maremmana si fonda su un unico substrato storico e socio-culturale – terminano i Pici ‘Gnoranti -. Pertanto, attraverso tale progetto, i Pici ‘Gnoranti torneranno a valorizzare il territorio come risorsa per l’apprendimento”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button