Costa d'argentoPolitica

“Circo senza animali”: l’opposizione lancia la petizione, ecco come firmare

Argentario: Il Progetto” ha lanciato una petizione elettronica a tutela degli animali, specificando la posizione contraria ai circo.

Circo senza animali“: è questo il nome della petizione lanciata sulla piattaforma Change.org il 20 luglio scorso, che in soli 10 giorni ha raggiunto le 847 firme, un grande risultato in pochissimo tempo.

Questa petizione elettronica è solo un anticipo. Con i tempi giusti, pensiamo di organizzare una vera petizione con valore giuridico, da consegnare nelle mani del sindaco affinché non siano più ammessi i circo con animali nel comune di Monte Argentario”, afferma Francesca Grieco, responsabile Comunicazioni per “Argentario: Il Progetto”.

“Gli argentarini hanno dimostrato una forte sensibilità su questo tema ed è nostro volere impegnarci per ottenere risultati concreti – continua Grieco -. Pensiamo che sia più adatto, e che possa rispettare la sensibilità di tutti, un circo senza animali, con professionisti che hanno scelto la vita circense per dimostrare le abilità umane che, a parere nostro, sono molto più interessanti di animali tenuti in condizioni di detenzione, costretti ad addestramento e fuori dal loro habitat naturale. Fino a qualche anno fa, in difesa degni animali potevano trovare associazioni animaliste, oggi anche la scienza afferma che la vita nei circhi per gli animali non è vita. Steven Harris, professore onorario, docente alla Scuola di scienze biologiche dell’Università di Bristol, tra i relatori del workshop, ha condotto delle ricerche diventate un punto di riferimento internazionale; nel 2016 ha pubblicato ‘The welfare of wild animals in circuses’, che consolida e approfondisce l’esito del suo lavoro: «La vita nei circhi non può garantire agli animali selvatici ed esotici il soddisfacimento dei livelli minimi di benessere. Si tratta di una vita passata in condizioni di prigionia, in cui gli animali vanno incontro a costanti disturbi psico-fisici, senza alcun controllo sui propri bisogni, una vita fatta essenzialmente di esibizioni negli spettacoli, di esposizione al pubblico, di continui viaggi e trasferimenti. La vita degli animali nei circhi non può considerarsi ‘una buona vita’ né ‘degna di essere vissuta’». Gli animali nel 2020 hanno fatto grandi conquiste e permettere ancora ai circhi di farli esibire non può che essere considerata una barbarie“.

“Noi di ‘Argentario: Il Progetto’ faremo quanto in nostro potere per cambiare questa realtà ormai remota e per far si che non accada più nel nostro comune – termina Grieco, certi di trovare supporto dalla popolazione Argentarina, come la petizione su Change.org ha dimostrato“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button