GrossetoPolitica

Principina a Mare, il Pd: “Stop ai parcheggi a pagamento, turisti e residenti penalizzati”

Il Partito Democratico, su proposta del gruppo consiliare di Grosseto, presenterà una mozione per l'abolizione degli stalli blu

Principina è dimenticata per strade ed illuminazione, ma viene ricordata per inserire balzelli antituristici“.

A dichiararlo, in un comunicato, sono i consiglieri comunali del Partito democratico di Grosseto.

“Le discussioni sul caro spiaggia tornano ogni anno con l’arrivo della bella stagione – continua la nota -. Le spiagge libere sono sempre meno, i prezzi per accaparrarsi il proprio pezzo di spiaggia salgono sempre di più. Chi è intenzionato ad andare al mare può darsi che parta già fresco non per aver acceso il condizionatore, ma per aver sudato, freddo visto i prezzi. Quest’anno, alle solite spese spesso lievitate, dovrà infatti aggiungere il costo del parcheggio, perché ovviamente alcune amministrazioni approfittano dell’occasione per fare cassa, considerando l’automobilista/turista una ‘vacca grassa’ da cui attingere risorse finanziarie. E dentro a questa categoria ci finiscono anche diversi residenti che andranno a parcheggiare per godere del nostro mare”.

“Adesso è arrivata l’ennesima ‘mazzata’ ai danni degli automobilisti e dei bagnanti – sottolineano i consiglieri -. La brutta sorpresa di questo anno sarà quindi anche per i bagnanti di Principina a Mare, che fino allo scorso anno per arrivare all’ampia spiaggia libera potevano contare su posti gratuiti per le auto. Questa volta le strisce blu sono apparse a Principina. Un balzello, questo, veramente inconcepibile che va a colpire le tasche dei cittadini grossetani, ma anche di altri paesi vicini, che ogni anno vengono nella frazione grossetana per godersi il mare. Ecco come questa amministrazione di centrodestra sia diventata l’amministrazione delle tasse. Dopo l’aumento della Tari, per la famiglie grossetane si aggiunge anche questo altro obolo. Definiamola ‘tassa del mare’. La libertà sembra avere un prezzo sempre più caro e quest’anno il Comune ha istituito un pedaggio obbligatorio per chiunque. Chi vorrà parcheggiare dovrà pagare 5 euro al giorno. Possiamo dire tranquillamente che è una tariffa unica (chi va al mare per un’ora?)”.

“Colpisce che, in un periodo in cui si cerca di rilanciare il turismo in Italia, si mettano letteralmente i bastoni tra le ruote ai vacanzieri motorizzati (di lungo periodo o mordi e fuggi poco importa), scegliendo una politica opposta a quella praticata all’estero, dove si trovano spiagge libere più facilmente ed i parcheggi presentano tariffe molto basse o sono addirittura gratuiti – sottolinea la nota -. Pensavamo di poter dire la nostra in Consiglio comunale, di poter essere interpellati. Invece abbiamo saputo dell’accordo a cose fatte.  Le strisce blu a Principina sono state concordate con i commercianti e gli stabilimenti? Dal palazzo comunale pensano che siano tutti contenti? Non vorremmo far di nuovo presente alla politica la situazione difficile, ma l’amministrazione comunale sembra continui sulla sua strada, quella che ignora completamente la voce dei pubblici esercizi e degli stabilimenti balneari. I nuovi stalli a pagamento hanno scatenato il putiferio in città”.

“Per questo motivo siamo pronti, come gruppo Pd, a presentare una mozione che ritiri immediatamente la delibera N.191 del 24 maggio scorso, che istituisce la sosta a pagamento a Principina e che eventualmente porti a riconsiderare successivamente gli stalli con numero ridotto – termina il comunicato, tariffe differenti più frazionate, ma soprattutto che l’eventuale reinvestimento delle tariffe vada solo per la frazione di Principina”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button