AmiataPolitica

Il Pd: “Bene attenzione della Regione per aree interne e imprese della neve”

Nei giorni scorsi sono arrivate due importanti notizie per quanto riguarda il nostro territorio“.

A dichiararlo, in un comunicato, è il direttivo dell’Unione Comunale del Pd di Castel del Piano.

“Dal Consiglio regionale è partita la richiesta per una fiscalità di vantaggio per le aree interne e i Comuni di montagna, per contrastare lo spopolamento, favorire lo sviluppo economico e dare nuove opportunità di lavoro, soprattutto per i giovani – continua la nota. Questa misura, che abbiamo più volte richiesto anche insieme al coordinamento Pd dell’Amiata grossetana e a quello dell’Amiata senese e Val d’Orcia, nasce da un lavoro partito nella Commissione aree interne, di cui è vicepresidente Donatella Spadi, da sempre al nostro fianco in questa partita“.

“Mentre aspettiamo che questa iniziativa arrivi al traguardo, segnaliamo con soddisfazione che, grazie al lavoro dell’assessore Leonardo Marras, che abbiamo informato e sollecitato, si è arrivati a delineare un sistema di sostegni per il settore neve, i maestri di sci e non solo. Va sottolineato che sono potenzialmente beneficiarie del contributo previsto dalla Regione Toscana tutte le imprese del commercio e del turismo di tutto il comune e non solo quelle direttamente afferenti agli impianti di risalita – spiega il Pd -. In questo caso specifico si tratta di due bandi con contributi a fondo perduto da dieci a tremila euro, rivolti all’economia delle neve e della montagna: uno destinato alle imprese (del commercio, della ristorazione, della ricettività turistica) dei comprensori sciistici, l’altro per maestri e scuole di sci. I bandi saranno pubblicati entro il 10 novembre“.

“Queste due iniziative sono anche frutto dell’azione che come partito stiamo portando avanti da mesi, ascoltando il territorio e collaborando con i nostri rappresentanti – termina la nota -.Sappiamo anche che si tratta di passi avanti e che la strada per uscire dagli strascichi della pandemia e da una situazione che deve vedere crescere l’Amiata è ancora lunga”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button