Pubblicato il: 9 Luglio 2020 alle 10:57

GrossetoPolitica

Via Roma, il Pci: “Chiusura attività ingiusta, il Comune ha fallito sul tema della sicurezza”

"Signor Sindaco, che fine hanno fatto le tante, mirabolanti promesse elettorali in tema di sicurezza?"

Quando la toppa è peggiore del buco“: così il Pci definisce la recente ordinanza del sindaco di Grosseto, che ha imposto la chiusura alle 20 di tutte le attività produttive (artigianali, commerciali e di servizi) del tratto di via Roma compreso tra via Trento e via Trieste.

“Certo, in quel tratto di strada si erano verificati casi di cronaca spiacevoli e preoccupanti, ma non è giusto che con questa sorta di ‘coprifuoco’, anziché i veri responsabili, si vadano a colpire indistintamente tutte le attività e quindi anche i residenti – continua il Pci -. Bella roba. Nessuna distinzione tra colpevoli e innocenti. E poi, nella migliore delle ipotesi, si otterrà solo di spostare il problema da qualche altra parte. Signor Sindaco, che fine hanno fatto le tante, mirabolanti promesse elettorali in tema di sicurezza? In cosa si è concretizzato l’impegno al controllo del territorio? Come ha risposto agli assembramenti, alla movida incivile, ai crescenti atti di vandalismo? Cos’altro è stato fatto, oltre a dieci telecamere ed a provvedimenti tanto ingiusti quanto poco efficaci, come il daspo urbano e il coprifuoco indiscriminato?“.

“Evidentemente, anche per lei, passata l’elezione, gabbato l’elettore – termina il comunicato -. Un po’ come le buche nelle strade che, se non sono più di prima, poco ci manca. E allora caro Sindaco, trascorsi ormai oltre quattro anni dalla sua elezione, per il Pci il giudizio è definitivo: bocciato“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su