Pubblicato il: 20 Ottobre 2013 alle 16:10

Costa d'argentoPolitica

Orbetello, la denuncia dell’opposizione: “Ritardi nei lavori della Strada Maremmana, l’amministrazione ha mentito”

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo integralmente un comunicato congiunto di Andrea Casamenti, Capogruppo consiliare di Oltre il Polo, e Chiara Piccini, consigliere comunale di Albinia al Comune di Orbetello:

“Parte in modo sfortunato il percorso amministrativo del nuovo assessore ai lavori pubblici, Mario Chiavetta, e vengono confermate tutte le peggiori previsioni dell’opposizione consiliare.

Premessi i gravissimi ritardi nella realizzazione delle opere pubbliche post alluvione nella frazione di Albinia, tutte finanziate dalla Regione Toscana e la cui progettazione è stata affidata a tecnici esterni all’ente per una cifra totale intorno ai 240 mila euro, sui lavori della Strada Maremmana apprendiamo dall’assessore ai lavori pubblici Chiavetta che fino al prossimo anno i lavori non avranno inizio.

La notizia conferma le nostre previsioni, ma sconcerta per due motivi: in primo luogo l’Amministrazione aveva prima più volte affermato che i lavori sarebbero iniziati a settembre e in un secondo momento nella prima settimana di ottobre, confermandolo anche durante un riunione tenutasi ad Albinia con i commercianti; qualche settimana addietro, addirittura il Vicesindaco Stoppa era arrivato a dichiarare sui giornali che i lavori avrebbero avuto inizio al massimo i primi giorni di novembre.

Ci chiediamo se in Giunta l’assessore ai lavori pubblici Chiavetta parli con il vicesindaco Stoppa, che dovrebbe rappresentare i cittadini di Albinia; oggi invece apprendiamo che di lavori non se ne parlerà fino al prossimo anno, non avendo né date certe né tempi certi di realizzazione ed ultimazione; in secondo luogo i lavori avrebbero dovuto iniziare a settembre per un preciso motivo, ovvero per far si che gli stessi non intralciassero il lavoro e le attività dei commercianti della frazione di Albinia, a partire dal periodo pasquale e soprattutto durante il periodo estivo, terminando, quindi, prima dell’inizio dei due periodi molto delicati per la presenza di turisti.

Questo spaventoso ritardo, con il rinvio al prossimo anno dell’inizio dei lavori, suscita enorme preoccupazione, in quanto la frazione nel periodo più delicato e frequentato si ritroverà con i lavori in corso invasa da polvere e strade aperte. Vista la delicatezza della situazione post alluvione della frazione, il mantenimento dei tempi di inizio realizzazione doveva essere rispettato in tutti i modi per non creare ulteriori problematiche aggiuntive ad una frazione già pesantemente colpita.

Ci chiediamo quindi cosa siano venuti a raccontare ai cittadini il sindaco e il vicesindaco quando promettevano tempi certi di inizio lavori. Non vogliamo però entrare nei rapporti tra l’attuale assessore ai lavori pubblici Chiavetta, che in modo alquanto imbarazzante cerca di prendersi meriti che non esistono, dato che il via libera al progetto da parte della Soprintendenza era già stato dato lo scorso 24 settembre, subordinandolo al rilascio di documentazione integrativa quando non era ancora assessore, e il collega ex assessore ai lavori pubblici Baghini, il quale dalle parole del Chiavetta sembra caricarsi implicitamente tutte le responsabilità dei ritardi accumulati.”

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su