Colline MetalliferePolitica

Consiglio comunale, l’opposizione: “Altra farsa di sindaco e maggioranza”

“29 luglio, il Consiglio comunale è riunito in prima convocazione, risultano presenti in 3, tutti delle opposizioni: Borelli, Brogi e Bussola”.

A dichiararlo, in un comunicato, sono Fiorenzo Borelli, capogruppo della lista civica Massa Comune, Daniele Brogi, capogruppo della Lega, Daniele Gasperi, del Pci Colline Metallifere.

“Fa la sua apparizione flash Giovannetti che, alle prime proteste degli altri consiglieri, si eclissa, tant’è che poi il segretario lo metterà assente – continua la nota -. Vane le proteste dei presenti ed in particolare quelle di Borelli, con il richiamo al rispetto del regolamento, partono dalla costatazione dell’assenza del sindaco che, secondo quanto previsto dall’articolo 25 del regolamento, prevede testualmente che ‘in apertura della seduta e prima di ogni atto, il sindaco invita il segretario a procedere all’appello ed a certificare la sussistenza del numero legale’. Il segretario procede ugualmente nell’appello che, come detto, vede solo 3 presenti e ritiene valida la procedura che legittima la prima convocazione e rinvia, per motivi legati all’assenza del numero legale, la seduta alla seconda convocazione che si svolgerà il 30 luglio”.

“Ma le proteste non si limitano solo a questo perché, secondo quanto previsto dal regolamento ‘le sedute del Consiglio sono pubbliche’ anche, come precisano le norme per le seduto online, ma nessun collegamento con l’esterno è stato predisposto e quindi la cosa si è svolta in privato – prosegue il comunicato. Da una parte meglio, commenta Daniele Gasperi della segreteria del Pci, così quei cittadini che avessero voluto seguire i lavori hanno avuto risparmiato l’indecoroso spettacolo offerto dalla maggioranza, tutta assente. Non sono aspetti meramente formali, ricordano i consiglieri di oppposizione, ma riguardano il rispetto di quelle regole che definiscono i comportamenti e tutelano la democrazia. Ad avviso delle opposizione quel Consiglio è da ritenersi nullo perché non espletato secondo le modalità previste dal regolamento e la seduta di seconda convocazione deve altrettanto considerarsi nulla“.

“Questo metodo della doppia convocazione che sta diventando regola mina la partecipazione dei componenti del Consiglio. Infatti, in seconda convocazione è prevista la partecipazione di 1/3 dei consiglieri eletti, questo significa che in 4 consiglieri decideranno, rispetto ai 12 più il sindaco, che sono previsti nelle ‘normali’ sedute. Questo meccanismo ‘democratico’ mette al riparo sindaco e maggioranza dalla situazione di vulnerabilità nei numeri dovuta al passaggio della componente repubblicana all’opposizione – termina la nota -. Infatti l’equilibrio è fragile poiché 6 sono i consiglieri di maggioranza e 6 quelli di opposizione e si potrebbero creare le condizioni per mettere a rischio la tenuta dell’amministrazione”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button