Colline MetalliferePolitica

Piano di utilizzo delle spiagge: “Politica del Comune fallimentare, ritardi a stagione iniziata”

“‘Per quest’anno non cambiare stessa spiaggia stesso mare’, come cantava Mina, invece i bagnanti locali e i turisti, abituati ad andare al mare alla Polveriera, una delle spiagge storiche di Scarlino, punto di accesso a ben due spiagge attrezzate ed a un tratto libero molto frequentato, forse dovranno cambiare o prepararsi a nuovi disagi perché il parcheggio adiacente (oltre la strada provinciale) a servizio del litorale, da anni gestito dal Comune è per ora chiuso al pubblico“.

A dichiararlo, in un comunicato, sono i gruppi consigliari Per Scarlino, PensiAmo Scarlino e Scarlino Insieme.

“Il Piano di utilizzo degli arenili risale ormai al 2005 e giustamente l’amministrazione Travison nel dicembre scorso ha fatto un atto d’indirizzo finalizzato ad una variante per attualizzare tale strumento alle nuove leggi e prevedere progetti a norma per l’adeguamento degli stabilimenti balneari – continua la nota -. Non ci risulta però sia seguito l’incarico ad un professionista per attuare quegli indirizzi e a che punto sia il nuovo Piano arenili, siamo pertanto preoccupati, visto che era subordinato all’approvazione del Piano operativo, che naviga in alto mare ed è ben lontano dalla sua approvazione. Ci duole per i frequentatori affezionati della Polveriera, che saranno costretti a spostarsi chissà dove per parcheggiare, e per gli operatori economici del settore, che avranno complicazioni per le loro attività, visto le incertezze ed i colpevoli ritardi di questa Giunta a stagione già iniziata. Non meglio vanno le cose a Cala Violina, dove ancora manca il servizio di ristoro poiché il bando pubblicato in fretta e furia per partire dal primo giugno è andato a buca, ovviamente frutto della gestione schizofrenica del personale già segnalata. Nel bando erano inseriti vincoli talmente stringenti per gli operatori economici da costringerli a rinunciare. Tali vincoli non erano di per se sbagliati, ma l’amministrazione ancora una volta si è dimostrata distante dalla realtà; non si può pretendere di reperire mezzi speciali e costosi a basso impatto ambientale in poco più di 20 giorni mentre stiamo uscendo da due anni di crisi covid”.

“Questa ottusità è ancor più grave in quanto il sindaco e il suo vice provengono dal mondo del privato e come tali si sono presentati alla cittadinanza per riformare la macchina amministrativa con maggiore efficienza. Ad oggi chi ha pagato il posto auto e ticket d’ingresso per Cala Violina andrà incontro a delusione per la mancanza di un servizio ristoro, senza fornitura d’acqua e i servizi igienici previsti nel bando – sottolinea l’opposizione -. L’ultima beffa è infine per i dipendenti delle Bandite, che saranno ancora (non si sa per quanto) presenti al parcheggio; infatti, la ditta vincitrice dell’appalto per la gestione dello stesso non ha personale idoneo e per il momento dovrà essere sostituita dai nostri operai, naturalmente tutto a spese doppie per il cittadino. Chissà cosa ne pensa la Corte dei Conti……..”

“Dopo tre anni l’amministrazione leghista scarlinese sembra in perenne rodaggio e, invece di migliorare, con l’esperienza peggiora sempre più nelle proprie azioni – termina la nota: così è stato sull’urbanistica, sulle Bandite, sul personale, ecc,. ma l’arroganza e la presunzione dei nostri amministratori rimane inalterata nonostante l’evidenza dei fatti”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button