CronacaGrosseto

Aggredito medico del 118, Asl, Opi e Omceo: “Fatto gravissimo”

L'episodio a pochi giorni dal 12 marzo, Giornata nazionale contro la violenza ai danni degli operatori sanitari

A pochi giorni dalla celebrazione della prima giornata contro la violenza ai danni degli operatori sanitari, del 12 marzo scorso, arriva la notizia di un’ennesima aggressione rivolta a un medico del 118.

“Un fatto, quello riportato anche dalla stampa locale – commenta Nicola Draoli, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Grosseto – che dimostra come il problema delle aggressioni al personale sanitario sia diffuso e frequente;  la violenza non è solo quella più manifesta, resa evidente da gesti concreti e parole pesanti, ma a volte anche quella insista nella scortesia e nella mancanza di fiducia e rispetto. Elementi che non permettono a chi lavora di farlo serenamente e che penalizza, quindi, l’intero sistema dei servizi alla collettività“.

Un episodio molto grave, che sarà verificato dalla Magistratura, e che è costato alla professionista aggredita anche un infortunio serio.

“L’Ordine dei medici condanna fermamente la violenza occorsa ieri verso il medico del 118, mentre stava svolgendo il suo lavoro di soccorso su un’emergenza – dichiara Paola Pasqualini, presidente dell’Omceo di Grosseto -. Questo a dimostrazione che, purtroppo, non basta una giornata per sensibilizzare le persone e provocare un cambiamento culturale. Per farlo, infatti, occorre un lavoro costante e un impegno da parte di tutti, sanitari e cittadini. È inaccettabile e sconfortate che ogni giorno si debba ricordare di portare rispetto alle persone, a tutti i lavoratori, in particolare a quelli che prestano assistenza a chi ne ha bisogno”.

“Facciamo i nostri auguri per una veloce guarigione alla dottoressa coinvolta in questo grave episodio – concludono Draoli e Pasqualini e ci auguriamo che questa vicenda inviti a una riflessione concreta su quanto, nella nostra comunità, c’è ancora da cambiare: per promuovere una cultura del rispetto che non sia solo di facciata, ma che si basi su solidi valori condivisi“.

“Un gesto gravissimo e brutale – dichiara il direttore generale della Asl Toscana sud est Antonio D’Urso che ci indigna e che colpisce chi lavora ogni giorno per assicurare a tutti i cittadini l’inviolabile diritto alla salute. A nome di tutta l’Azienda voglio esprimere tutta la vicinanza e solidarietà alla dottoressa vittima di questa violenza del tutto gratuita e le auguriamo una pronta guarigione. Ricordo che nel 2021 sono stati segnalati nella nostra Azienda 128 episodi di aggressione, un numero quasi quadruplicato rispetto all’anno precedente. Per questo motivo intensificheremo l’impegno per individuare le possibili strategie per ridurre i rischi e migliorare la sicurezza dei nostri operatori a tutti i livelli”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button