Home Notizie dagli Enti Wi-fi libero, Sabatini: “Assurdo l’emendamento approvato in Commissione alla Camera”

Wi-fi libero, Sabatini: “Assurdo l’emendamento approvato in Commissione alla Camera”

di Redazione
0 commento 12 views

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo integralmente un comunicato di Marco Sabatini, vicepresidente della Provincia di Grosseto con delega all’informatizzazione e riduzione del divario digitale:

Lascia alquanto perplessi l’emendamento approvato in Commissione alla Camera sul wi-fi libero, che reintroducendo obblighi di tracciabilità sul collegamento degli utenti con procedure complicate e cavillose, rischia di provocare un forte arresto nella liberalizzazione dell’accesso ad internet.

L’apertura della rete è invece una scelta fondamentale per un Paese democratico, civile e moderno. La Provincia di Grosseto ha investito tantissime energie e risorse in questo importantissimo servizio per il territorio, ottenendo tra l’altro risultati eccellenti.

Oltre a pretendere chiarezza sugli obiettivi che questo Governo intende perseguire per ridurre il digital divide, ci auguriamo che l’emendamento trovi resistenze e venga bloccato in Parlamento, perché l’accesso libero ad internet è ormai un diritto consolidato ed è bene che non vengano messi lacci e lacciuoli che favoriscono solo pochi, a discapito di tutta la popolazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy