Home Notizie dagli Enti Il Sindaco Bonifazi sull’incendio divampato nei pressi di Sterpeto

Il Sindaco Bonifazi sull’incendio divampato nei pressi di Sterpeto

di Roberto Lottini
0 commento 10 views

Il Sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi, ha inviato un messaggio per ringraziare i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile e i dipendenti della San Lorenzo Servizi che si sono prodigati con grande generosità e spirito di sacrificio per arginare l’incendio scoppiato nei pressi del cimitero di Sterpeto sabato scorso.

“Sono giornate difficili quelle vissute in questi giorni sul fronte incendi. In tutta Italia e anche in Toscana e in Maremma, i Vigili del Fuoco e la Protezione civile sono alle prese con una realtà la cui responsabilità non può purtroppo essere assegnata solo al caso ma troppo spesso alla stupidità, alla superficialità quando non ad atti di vera e propria criminalità.

Quello che è successo sabato nei pressi del Cimitero di Sterpeto che ha causato danni importanti ad un’azienda florovivaistica, distrutto un mezzo dei pompieri, ettari di territorio e messo a rischio la sicurezza dei residenti, è un fatto di enorme gravità. Non il solo in questa stagione e, temo, neanche l’ultimo. A tutto questo rispondono con grande coraggio e professionalità i nostri vigili del fuoco e la nostra protezione civile e, nel caso di sabato, gli stessi operatori della San Lorenzo Servizi. Di tutto questo dobbiamo essere loro grati ma anche i cittadini devono essere sempre responsabili e consapevoli delle conseguenze di ogni loro azione.

Faccio un appello a tutti quanti sulla necessità di astenersi da pratiche che possano favorire lo sviluppo di incendi. Anche quando siete sicuri e pensate di essere esperti non bruciate nulla. La stagione calda, secca e la scarsità di acqua disponibile rendono il nostro territorio particolarmente a rischio. Nei sempre numerosi casi dolosi spero che le forze dell’ordine riescano a individuare eventuali piromani, come accaduto proprio in queste ore a Roma, per i quali auspico il massimo rigore nelle sanzioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy