Pubblicato il: 4 Ottobre 2013 alle 13:17

Politica

Movimento Cinque Stelle: “La spiaggia è un bene comune, no alla svendita e alla lottizzazione pensate dal Governo”

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo un comunicato congiunto dei gruppi toscani del Movimento Cinque Stelle:

“Siamo nettamente contrari ad ogni forma di regolamentazione delle concessioni demaniali balneari che preveda la divisione della spiaggia individuando due realtà distinte: da una parte lo stabilimento che verrebbe venduto al concessionario, il quale diverrebbe così di fatto proprietario della struttura con cabine, docce e servizi vari e dall’altra la spiaggia che invece andrebbe a gara d’asta, indovinate a chi…

E’ irregolare ed eticamente riprovevole che lo Stato abdichi ai suoi diritti svendendo porzioni di territorio pregiate e logisticamente non alienabili in quanto unici accessi al mare.

L’articolo 9 della nostra Costituzione recita: ‘La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione’.

La spiaggia è di tutti i cittadini, non solo di chi ci ha costruito sopra. Sarebbe come se, affittato un terreno, ci si edificasse sopra una casa e se ne rivendicasse la proprietà. Per questo motivo non crediamo proprio che il proprietario, nel nostro caso lo Stato (noi cittadini), sarebbe tanto d’accordo.

Il governo Letta in questi giorni sta studiando un provvedimento per non scontentare la categoria che ha investito nel settore degli stabilimenti balneari. Chi ha investito sapeva benissimo cosa stesse  facendo, ma non ha tenuto conto delle conseguenze, anche grazie a tutti quegli amministratori che condividevano gli stessi interessi. Esiste, ed esisteva un regolamento prevalente, quello del Codice della navigazione, che disciplina la materia ed è quello che dev’essere rispettato.

Ci fa vergognare che si faccia carta straccia delle regole a proprio uso e consumo, per ultima la Regione Toscana che poche settimane fa ha modificato il concetto di ‘facile rimozione’ cambiandolo da 48 ore a 90 giorni, praticamente certificando che tutti gli stabilimenti sono di facile rimozione, anche quelli con piscine e discoteche. Siamo in un sistema di diritto, è bene ricordarlo. Chi ha ricevuto una concessione sapeva di intitolarsi una concessione e non di firmare un contratto di acquisto.

Questo provvedimento non deve passare. La rinascita dell’Italia passa anche e soprattutto da una giusta ed equa valorizzazione del bene comune. Noi vogliamo che tutti i cittadini possano avere la possibilità di contribuire alla ricchezza del proprio Paese, non solo pochi privilegiati titolari di rendite di posizione che si tramandano di padre in figlio da sempre.

Il Movimento 5 Stelle sarà sempre contro ogni tipo di sfruttamento iniquo delle risorse del territorio e per una giusta redistribuzione della ricchezza per l’intera comunità”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su