Colline MetallifereCultura & Spettacoli

“Arte e giornalismo”: al via la mostra fotografica dedicata alla Palestina

Un racconto per immagini della Palestina negli anni 2017-2019

Apre i battenti venerdì 18 marzo e resterà visitabile fino al 29 aprile la mostra fotografica “Arte e giornalismo“, allestita nella biblioteca comunale di Massa Marittima. Un racconto per immagini della Palestina degli anni 2017-2019, realizzate dal fotografo Egisto Nino Ceccatelli e dalla giornalista de La Nazione Sara Bessi. La mostra è curata da Taisir Hasbun ed è organizzata dall’associazione Iride in collaborazione con la biblioteca comunale di Massa Marittima.

All’inaugurazione, prevista alle 17.30 del 18 marzo, saranno presenti gli autori. Conduce Roberta Pieraccioli, direttore dei musei e della biblioteca comunale di Massa Marittima. Nell’occasione sarà presentato anche il libro di Ceccatelli dal titolo “Betlemme: il suo tesoro e la sua gente“, che contiene al suo interno le foto del restauro della basilica della Natività.

“Arte e giornalismo” è un viaggio nella quotidianità di Betlemme coacervo di culture, razze e religioni. Ci sono le immagini del mercato e del muro che divide Betlemme da Gerusalemme, costruito a partire dal 2002.

Le fotografie di Ceccatelli, che in gioventù ha collaborato con Pier Paolo Pasolini ed è stato vincitore della Coppa del Mondo Fiap per le stampe a colori, ritraggono i dettagli e i particolari che sono emersi nel corso del restauro della chiesa più importante al mondo. Non solo: l’occhio di Ceccatelli è andato a testimoniare anche quello che accade a pochi passi dal centro città, nel campo profughi di Betlemme.

Gli scatti di Sara Bessi, giornalista a La Nazione di Prato e presidente di Ucsi Toscana, sono stati fatti con la camera del telefono cellulare nello stile della cronaca, del fermare l’attimo della vita sociale che scorre sulle colline di Betlemme e nei dintorni della città palestinese. Usi, tradizioni e religione sono narrati nelle immagini dal taglio giornalistico.

La mostra, a ingresso libero, è visitabile fino al 29 aprile, ogni lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 14 alle 19; il giovedì e sabato dalle 9 alle 13. Domenica chiusa.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button