Cultura & SpettacoliGrosseto

Biennale dello Scarto: al via la mostra “Angeli e Demoni” alle Casette cinquecentesche

L'inaugurazione è in programma venerdì 5 agosto, alle 18. La mostra sarà visitabile fino al 4 settembre

Sarà inaugurata venerdì 5 agosto, alle 18, la mostra “Angeli e Demoni“, alle Casette cinquecentesche di Grosseto, sulle Mura medicee, curata da Rodolfo Lacquaniti e Mauro Papa, per la Biennale dello Scarto.  Nell’occasione si terrà la conferenza dal titolo “La biennale dello scarto e l’arte del riciclo.

Interverranno: Luca Agresti, assessore comunale alla cultura, Giovanni Tombari, presidente della Fondazione Grosseto Cultura; Mauro Papa, direttore del Polo culturale Le Clarisse e del Museo Collezione Luzzetti, Rodolfo Lacquaniti, artista e bioarchitetto.

La mostra “Angeli e Demoni” è costituita dalle affascinanti sculture di “The Garbage Revolution”, realizzate da Lacquaniti con materiali di riciclo. L’esposizione sarà visitabile fino al 4 settembre.

“Nel 2014, in occasione del progetto ‘The Garbage Revolution’ – spiega Rodolfo Lacquaniti ,  ho presentato per Pitti Immagine, alla Stazione Leopolda di Firenze, una installazione dal titolo ‘Angeli’. Con gli anni il progetto si è trasformato in ‘Angeli e Demoni’, perché l’arte si pone continuamente delle domande e si contamina. Sono state una mia fonte di ispirazione le parole di Yuval Noah Harari ‘Siamo dèi che si sono fatti da sé’, il pensiero di Rupert Spira e dell’artista tedesca Hito Steyerl, le parole del poeta Edwaed Estlin Cummings ‘L’amore è un luogo e in questo luogo di amore si muovono (con luminosità e pace) tutti i luoghi’. Da allora è stata una ricerca continua. La domanda che mi sono fatto è cosa sta succedendo. Tutto parte dal pacchetto energetico che ci è stato regalato alla nostra nascita e che si è assottigliato a tal punto che l’abbiamo quasi esaurito e non abbiamo più la forza di decidere se e come diminuire i nostri consumi, i nostri desideri, travolti in una corsa inarrestabile verso non so dove, quando e soprattutto perché. Da angeli siamo diventati demoni? Oppure da sempre siamo stati angeli e demoni”.

“Secondo la fede l’angelo è un essere spirituale e intellettuale, di natura superiore, al servizio dell’uomo – afferma Mauro Papa –. L’arte del passato, ha provato a evocare queste caratteristiche trasformando le creature angeliche in figure concrete e tangibili, trasfigurate in forme luminose ed eteree. Gli angeli di Lacquaniti sono concreti e tangibili, ma non evocano spirito e luce perché sono semplici manichini neri che, minacciosi e oscuri, affollano gli spazi storici delle Casine del Cinquecento, come epifanie di morte. La morte della fede e della fiducia nel progresso. Oggi, i rifiuti sono l’elemento identitario della civiltà consumista che ci consuma. Anche questi angeli sono costituiti da rifiuti e, realizzati a nostra immagine e somiglianza, sono il nostro specchio e il nostro riflesso. Uno di loro si è schiantato a terra. A suggerire che queste creature sono, al tempo stesso, angeli e demoni. E allora la complessità e la contraddizione implicita nel messaggio artistico, che non è mai didascalico e illustrativo, si radicalizza in una nuova possibile esegesi di questa installazione: se da una parte gli angeli neri rappresentano la morte, dall’altra manifestano una speranza di redenzione e quindi un precipitato dei nostri desideri”.

Il progetto Biennale dello Scarto è promosso dall’associazione culturale Giardino Viaggio di Ritorno di Rodolfo Lacquaniti con il patrocinio della Regione Toscana, Vetrina Toscana e Toscana Promozione Turistica, Provincia di Grosseto, con la collaborazione dei Comuni di Grosseto e Castiglione della Pescaia e di Legambiente. Sono inoltre coinvolti la Fondazione Grosseto Cultura e l’Istituzione Le Mura, i Musei di Maremma, il Monastero di Siloe, Assicoop, We-Rad e Chi Ama.

Per visitare la mostra “Angeli e Demoni” e il percorso espositivo della Biennale al Cassero senese il costo del biglietto è di 2 euro, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12 e dalle 18.30 alle 21.30.

Inoltre, fino al 15 ottobre, nei giorni di sabato e la domenica, il 10 e il 15 agosto, si possono fare esclusivamente le visite guidate, della durata di 1 ora e 20 minuti, nelle due fasce orarie 18.30 e 20. Costo della visita guidata 8 euro a persona.

Riduzioni

Titolari Grosseto Card (soci di Fondazione Grosseto Cultura) costo del biglietto 7 euro.

Bambini dai 6 ai 10 anni costo del biglietto 3 euro

Bambini sotto i 6 anni gratuito.

Prenotazione consigliata ai numeri 0564.416276 e 346.6524411.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button