Pubblicato il: 29 Luglio 2018 alle 17:35

AttualitàCastiglione della PescaiaCosta d'argentoCucinaFollonicaGrosseto

Cuochi di Maremma, nominati i membri del consiglio direttivo: al via le attività dell’associazione

L’associazione Cuochi di Maremma prende definitivamente vita con la composizione dei responsabili che per i primi tre anni porteranno avanti le attività del gruppo.

In un precedente incontro si erano ritrovati i tre fondatori dell’associazione per assolvere gli aspetti legali: Claudio Mollo, Mirko Martinelli ed Emiliano Lombardelli.

In una successiva riunione, alla quale sono stati chiamati tutti i 15 componenti scelti a rappresentare i Cuochi di Maremma, sono state identificate le rispettive cariche: Claudio Mollo, giornalista enogastronomico ed esperto del settore agroalimentare e della ristorazione, gestirà e coordinerà il gruppo in qualità di direttore generale, a Mirko Martinelli (“L’Oasi” di Follonica) la presidenza, il posto di vicepresidente è stato assegnato a Massimiliano Ciregia (“Osteria del Mare” di Castiglione della Pescaia), mentre a Giovanni Angeletti (“L’Artidoro” di Grosseto) quello di segretario dell’associazione. Vicesegretario è stato nominato Umberto Amato (“La Fontanina” di Porto Santo Stefano). Emilio Signori (Locanda “La Luna” di Tirli), invece, su incarico del direttore generale, è stato chiamato a gestire le relazioni esterne e istituzionali. L’vvocato Massimiliano Quercetani ricoprirà il ruolo di presidente dei probiviri nonché legale dell’associazione e sono in via di individuazione le altre figure, a completare il collegio dei probiviri e dei sindaci revisori.

Questo il gruppo di testa che, subito dopo la metà di settembre, darà il via alle attività associative, mettendo subito in cantiere i primi progetti.

“L’intenzione di dar vita ad una selezione di cuochi appartenenti alla sola provincia di Grosseto è scaturita da un’ambiziosa visione legata alla ricchezza, di storia, tradizioni e prodotti di eccellenza, di un territorio come quello maremmano e alla sua migliore promozione, attraverso l’agroalimentare e la cucina – si legge in un comunicato dell’associazione -. Inizierà presto anche il contatto diretto con tutta una serie di aziende produttrici distribuite sull’intero territorio, per un loro coinvolgimento diretto alle attività dei cuochi di Maremma, che non saranno solo di cucina, ma anche culturali, come ad esempio pubblicazioni, seminari e congressi dedicati alla qualità alimentare e professionale del cuoco o chef. Iniziative ed eventi che arricchiranno il panorama provinciale e altri che esporteranno il meglio della Maremma, in altre parti d’Italia e speriamo, presto, anche all’estero”.

“Naturalmente è pronto anche lo statuto, che sarà presto a disposizione di chiunque sia interessato a fare domanda per entrare a far parte del gruppo. Si annunciano selezioni abbastanza rigide, con pochissimi ingressi possibili ogni anno, selezioni che saranno portate a termine da esperti del settore, non cuochi o chef, provenienti da fuori provincia, questo per evitare polemiche e per una maggiore correttezza – termina la nota -.  Chiunque si riterrà pronto e in linea con la qualità che i Cuochi di Maremma stanno promuovendo potrà, per ora, contattare l’associazione all’indirizzo e-mail [email protected]. In arrivo anche il sito internet e altri riferimenti su sede associativa, ecc. Non ci saranno favoritismi nei confronti di nessuno ma solo coerenza e serietà professionale. Può sembrare difficile, ma in realtà non lo è perché chi pensa di avere i giusti requisiti lo dovrà soltanto dimostrare“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su