Pubblicato il: 18 Aprile 2019 alle 17:21

FollonicaPolitica

Verso le amministrative, Massimo Di Giacinto: “Ecco le mie priorità per la zona artigianale”

La zona artigianale di Follonica è il cuore dell’economia della nostra città, insieme con le tante piccole attività commerciali sparse per il tessuto comunale“.

A dichiararlo è Massimo Di Giacinto, candidato a sindaco di Follonica per la coalizione di centrodestra.

“Un concentrato di produttività ed eccellenze che meriterebbe ben altra considerazione da parte di chi governa Follonica – spiega il candidato -. Nessuno vuole dipingere uno scenario che non esiste: basta guardarsi intorno con oggettività per rendersi conto della realtà. E i tanti piccoli imprenditori che oggi, per l’intera mattinata, ci hanno fatto visita al gazebo della coalizione di centrodestra hanno confermato una situazione che da tempo è sotto gli occhi di tutti. Nella zona artigianale c’è un’emergenza sicurezza, c’è un’emergenza viabilità, c’è un’emergenza decoro. E come se non bastasse, le attività economiche non si sentono tutelate a sufficienza dall’amministrazione comunale“.

“Partiamo dalla sicurezza: non passa giorno senza che si registrino furti – sottolinea Di Giacinto -. Purtroppo è la logica conseguenza di un’area che nelle ore notturne diventa una terra di nessuno. E all’amministrazione uscente dico che non basta, dopo infinite proteste da parte degli operatori, annunciare l’installazione di telecamere di sorveglianza. È il caso di pensare a qualcosa in più, come a un sistema di vigilanza notturno più strutturato, che coinvolga magari istituti privati sotto il controllo del Comune. Anche una pubblica illuminazione più efficiente aiuterebbe. La mancanza di decoro si percepisce anche sulle strade: nessun dosso riduttore di velocità a frenare auto e moto che sfrecciano oltre ai limiti, nessuna segnaletica orizzontale, nessun posto auto delimitato, pulizia molto approssimativa“.

Si sente la mancanza anche di un efficace controllo sulle residenze e sugli allacci fognari – termina il candidato -. Infine, ma non è certo l’ultima delle priorità, alla zona artigianale di Follonica serve un piano organico di sviluppo: le attività economiche devono avere la percezione della vicinanza dell’amministrazione comunale, al contrario di quanto accaduto finora, con l’ente pronto a sostenerle per quanto di sua competenza, dalle agevolazioni agli incentivi. Con la fiducia dei follonichesi, noi lo faremo“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su