FollonicaPolitica

Inceneritore, Di Giacinto: “No all’impianto, la piana non diventi discarica di mezza Italia”

"Mi impegno a sostenere, con forza e determinazione, le ragioni del 'no'"

Con grande disappunto ho appreso dalla stampa la notizia che Scarlino Energia, il 20 dicembre scorso, ha depositato, in Regione Toscana, la richiesta per l’installazione di ‘termovalorizzatore e impianto di trattamento rifiuti liquidi in Comune di Scarlino’”.

A dichiararlo è Massimo Di Giacinto, candidato a sindaco di Follonica per la coalizione di centrodestra.

“Ci risiamo: con questa richiesta si tenta di aggirare la sentenza del Consiglio di Stato del 21 gennaio 2019 con la quale sembrava definitivamente chiusa la questione dell’inceneritore nella piana del Casone – spiega Di Giacinto. Di più: oltre all’incenerimento dei rifiuti si chiede, oggi, anche la possibilità di costruire un impianto di trattamento rifiuti liquidi (Trl) con alto carico organico. E’ evidente, come riconosciuto anche dalla stessa Regione Toscana, che ‘il progetto ricade nel territorio del Comune di Scarlino e interessa a livello di impatti anche il Comune di Follonica’. Ancora una volta non si parla di bonifiche, ma solo di caricare un territorio, già fortemente compromesso dal punto di vista ambientale, con altri impianti di smaltimento rifiuti che nulla hanno a che fare col nostro sviluppo economico“.

“Ma come è possibile che si voglia non tener conto di quanto scritto dal Consiglio di Stato, nella succitata sentenza del 21 gennaio, dove testualmente si legge ‘….la situazione sanitaria è preoccupante, l’Azienda sanitaria avrebbe dovuto negare il parere favorevole e compiere ulteriori analisi aggiornate, anziché limitarsi ad esigere particolari cautele’ – continua Di Giacinto -. Sono convinto che, dal punto di vista sanitario, sia indispensabile fare subito la fotografia dell’attuale situazione ed evitare aggravamenti alla nostra salute. Da sempre ho espresso la decisa contrarietà a questo impianto perché dannoso all’idea di sviluppo che ho, ribadendo che la piana di Scarlino non deve in nessun modo diventare il sito di smaltimento rifiuti di mezza Italia“.

“Mi impegno a sostenere, con forza e determinazione, le ragioni del ‘no’ adoperandomi, allo tempo stesso, a mantenere salda la compattezza di tutte le forze politiche di Follonica e Scarlino che hanno fatto, in questi ultimi anni – termina Di Giacinto, fronte comune in sinergia con il comitato del ‘No’, contro la realizzazione dell’impianto“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button