FollonicaPolitica

Emergenza abitativa e sociale, Di Giacinto: “Perché il Comune non ha ancora utilizzato i fondi?”

"E’ doveroso 'sbloccare' immediatamente i 70mila euro già a disposizione del Comune"

Sono passati cinque mesi da quando il consiglio comunale di Follonica ha deliberato di destinare una parte degli utili dell’Azienda farmaceutica municipalizzata per l’emergenza abitativa e sociale, ma questi fondi non sono stati ancora utilizzati“.

A dichiararlo è Massimo Di Giacinto, consigliere comunale dell’omonima lista civica.

“Purtroppo questa è la triste realtà – continua Di Giacinto -. Sono 70mila euro che in questa particolare fase storica di profonda crisi economica e sociale, derivante perlopiù dall’emergenza sanitaria da Covid-19, possono e devono servire a ‘dare una mano’ alle fasce più deboli della società cittadina. Il fine di questa destinazione, quello di contribuire al soddisfacimento dei bisogni primari delle persone come quello del mantenimento della casa di abitazione evitando le morosità nel pagamento del canone di affitto, e alla copertura delle spese collegate alla casa, come le bollette e le spese condominiali, è sicuramente nobile, ampiamente condivisibile e socialmente avanzato. Ma bisogna fare presto perché è davvero un’emergenza e, se passa ancora del tempo, la situazione delle persone in difficoltà si aggrava sempre di più, giorno dopo giorno“.

“Per evitare eventuali e sterili polemiche, rispetto all’importanza della questione, è opportuno e giusto ricordare che la delibera di destinazione degli utili dell’Azienda farmaceutica municipalizzata è stata approvata a maggioranza, con il voto contrario dei gruppi di opposizione presenti alla votazione, solo perché venne negata inspiegabilmente la possibilità, richiesta in modo formale, di votarla separatamente dal bilancio consuntivo dell’Azienda farmaceutica municipalizzata perché cosa diversa, così come del resto fu unanimemente deciso, e poi fatto, l’anno precedente. Sono convinto che sia urgente e necessario procedere quanto prima all’erogazione dei contributi ai legittimi beneficiari degli interventi a sostegno dell’emergenza abitativa e sociale per aiutare concretamente i concittadini in difficoltà che hanno regolarmente presentato a suo tempo la relativa richiesta – termina Di Giacinto. E’ doveroso ‘sbloccare’ immediatamente i 70mila euro già a disposizione del Comune. A che e a chi serve aspettare ancora? Sinceramente non lo capisco. Su questo ho presentato un’interpellanza al sindaco con l’intento di stimolare il rapido completamento dell’iniziativa e, finalmente, prendere atto della concessione dei contributi agli aventi diritto“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button