Colline Metallifere

Massa Marittima: stipulata una convenzione per far svolgere attività di volontariato ai detenuti

 “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”.

Così recita l’articolo 27 della Costituzione italiana in merito al comportamento delle istituzioni nei confronti di chi ha commesso un reato. Ed è questo il principio a cui si ispira la convenzione, stipulata pochi giorni fa, tra gli Uffici per l’Esecuzione Penale Esterna (Uepe) di Siena e di Grosseto, il Comune di Massa Marittima e la Casa circondariale massetana.

Si tratta di un progetto di rieducazione sociale e di reinserimento dei carcerati attraverso la stipula di contratti che consentano ai detenuti della casa circondariale di svolgere attività di volontariato presso associazioni ed enti che operano nel settore della solidarietà.

Questa iniziativa si pone l’obiettivo di consentire al detenuto di riprendere i contatti con la comunità esterna e di riscattare in modo costruttivo i propri comportamenti contrari alla legge e lesivi verso la collettività. Contemporaneamente, questo tipo di inserimento può favorire la sensibilizzazione della cittadinanza nei confronti delle persone in attesa di condanna, in fase di rieducazione e di reinserimento. Casa Circondariale, Uepe e Comune si impegnano, con la convenzione appena firmata, ad intraprendere azioni tese alla sensibilizzazione dell’ambiente sociale, in cui i condannati verranno mano a mano inseriti sulla base di un progetto di volontariato personalizzato per ogni detenuto. Allo stesso tempo, l’ente e gli istituti si impegnano a svolgere una verifica periodica sull’andamento dell’attività svolta da ogni soggetto inserito, valutando di volta in volta l’opportunità di una prosecuzione, interruzione o variazione dell’attività stessa.

Infine, il Comune rimarrà in contatto su questo tema con le associazioni e le cooperative del territorio che collaboreranno al progetto, tramite l’affidamento di mansioni di volontariato a detenuti ammessi alle attività all’esterno, in esecuzione di misure alternative o ex detenuti: a questo proposito, si è già svolta una prima riunione tra i soggetti firmatari ed alcune associazioni di volontariato di Massa Marittima che intendono offrire la loro collaborazione al progetto. La convenzione, salvo diverso parere di uno o più firmatari, verrà rinnovata ogni anno.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button