Colline MetallifereScuola

Massa Marittima, al via il progetto dell’IIS Lotti per far conoscere agli studenti il territorio in cui vivono

Si intitola “Dalla cartografia storica alla conoscenza e valorizzazione di un territorio: il comprensorio delle Colline Metallifere”, il progetto promosso dall’IIS Lotti, per far conoscere agli studenti il territorio in cui vivono.

Il progetto è sviluppato dalla scuola in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Siena, che da anni indaga e sviluppo ricerche all’interno del comprensorio delle Colline Metallifere e coinvolge anche il Comune di Massa Marittima con il Centro documentazione di Niccioleta che custodisce l’archivio storico minerario e con il personale della biblioteca comunale Gaetano Badii.

I destinatari delle attività sono 13 studenti e studentesse iscritti alla futura classe 3L del liceo classico dell’IIS Bernardino Lotti di Massa Marittima, che in questi giorni stanno facendo ricerca presso l’archivio minerario di Niccioleta. I ragazzi, seguiti dalla professoressa Raffaella Luti come tutor interno, e dalla dottoressa Luisa Dallai dell’Università di Siena, come tutor esterno, si riuniscono negli spazi del Centro documentazione di Niccioleta dove possono consultare l’archivio minerario.

L’IIS si trova al centro di un territorio ricco di archeologia e storia, in cui persistono tracce di sfruttamento minerario che dall’antichità arrivano fino all’epoca contemporanea senza soluzione di continuità. Il progetto ha come finalità quella di consentire agli studenti di conoscere l’evoluzione del territorio, le risorse che lo hanno reso importante dal punto di vista politico ed economico e quelle che ancora oggi offre, sviluppando una matura consapevolezza sulle opportunità di valorizzazione del suo potenziale.

L’archivio minerario è un patrimonio di enorme valore per ricostruire la storia dello sfruttamento minerario delle Colline Metallifere tra la fine dell’800 e la fine del ‘900, a disposizione di tutti coloro che volessero consultarlo per fare ricerca. Oltre 20mila faldoni contenenti documenti di tutti i tipi, dalle schede del personale alle buste paga, ai cartellini, alla corrispondenza e oltre 7.000 tra mappe, piani minerari, foto e disegni di macchinari.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button