Colline Metallifere

Massa Marittima: l’assessore Michelini traccia un bilancio e annuncia le prossime iniziative in ambito ambientale

Michelini con tecnici Comune e CosecaTempo di bilanci per l’amministrazione comunale di Massa Marittima.

L’assessore Giacomo Michelini traccia un quadro dell’attività svolta nel 2013 dal Comune in ambito ambientale e delle ultime novità.

Partiamo dalle certificazioni da parte degli Enti esterni. Che 2013 è stato?

E’ stato l’anno delle conferme grazie all’impegno dell’Ufficio ambiente: il nostro Comune, infatti, si è aggiudicato ancora una volta il prestigioso riconoscimento delle 5 vele di Legambiente per il lago dell’Accesa. In merito alla qualità ambientale sono state confermate la certificazione ambientale Iso 14001 e la registrazione Emas. Tutto ciò dimostra che siamo sulla strada giusta e questo ci deve dare ancora più forza e coraggio per andare avanti”.

Concetti come tutela dell’ambiente e raccolta differenziata necessitano di un grande coinvolgimento di tutti i soggetti pubblici e privati che vivono ed operano in un territorio. Quale è la situazione?

La difesa dell’ambiente passa per azioni dirette dell’amministrazione comunale e degli altri enti che si occupano del controllo. Ma è importante l’impegno che ci mettono tutti i singoli cittadini che devono mirare costantemente a difendere il patrimonio più prezioso di una comunità: l’ambiente”.

Cosa avete fatto nel campo della promozione delle buone pratiche ambientali?

Ci siamo mossi in diversi ambiti. Abbiamo continuato a promuovere il compostaggio domestico dei rifiuti organici attraverso la consegna in comodato gratuito ai cittadini di ulteriori compostori e grazie alla realizzazione di momenti formativi nelle scuole. Per contenere i costi di gestione di tale progetto abbiamo utilizzato personale interno al Comune, limitando l’utilizzo di esperti esterni alla sola supervisione. Tra qualche giorno, precisamente il 10 maggio, inaugureremo il nuovo centro di raccolta dei rifiuti poco fuori il centro abitato di Massa Marittima. Dall’uso di questa struttura ci aspettiamo tanto in termini di crescita sulla cultura sui rifiuti”.

A che punto è il progetto di raccolta differenziata degli oli esausti?

Abbiamo installato un nuovo punto di raccolta all’interno del centro abitato di Niccioleta. Ora sono sei i punti di raccolta: è un buon risultato e i cittadini dimostrano nei fatti di apprezzare quest’idea”.

Quali sono i progetti più rilevanti che hanno visto protagonisti i giovani?

“E’ proseguito il progetto ‘Acqua in caraffa’ all’interno della mensa scolastica delle scuole. Questa pratica è ormai divenuta un’abitudine per tanti bambini e ragazzi che ne hanno portato testimonianza nelle loro famiglie.

I bambini della scuola primaria sono stati i protagonisti anche di un concorso di disegno dedicato al rispetto dell’ambiente, che ha avuto un ottimo riscontro sia per la partecipazione che per la qualità dei lavori realizzati. Naturalmente, abbiamo continuato con le giornate di ‘Puliamo il mondo’, che abbiamo allargato anche alle frazioni e, insieme ai bambini della scuola primaria, abbiamo preso parte attiva alla manifestazione ‘Porta la sporta’ organizzata da Legambiente”.

Purtroppo però continuano anche le brutte abitudini.

Sì, ci sono ancora persone che pur potendo contare su servizi efficienti ed economici preferiscono gettare materiali di risulta di lavori edili e rifiuti ingombranti in zone dove non si deve. Grazie alla collaborazione con la Polizia locale e alle segnalazioni di molti cittadini, si è provveduto a una vigilanza ambientale costante all’interno del territorio del Comune. I risultati sono incoraggianti, ma c’è ancora molto da lavorare”.

Cosa avete fatto per garantire la pulizia ed il decoro dei centri abitati del territorio comunale?

Abbiamo cercato di proseguire sulla strada dell’ottimizzazione della pulizia delle strade e dei vicoli di Massa Marittima, continuando con l’applicazione dei divieti di sosta temporanei. Nell’ambito dell’arredo urbano, in collaborazione con il Coseca, che da ottobre scorso è entrato a far parte di Sei Toscana, si è provveduto alla sostituzione di cassonetti vecchi con nuovi contenenti migliori spiegazioni delle frazioni merceologiche che vi si raccolgono, attività questa che dovrà proseguire regolarmente”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button