Politica

Verso le politiche, Tanti: “Misure straordinarie con fondi europei e regionali per contrastare il caro bollette”

"Fermare subito il disastro in arrivo con misure straordinarie"

“Il caro bollette rischia di far cappottare famiglie, imprese, associazioni e realtà di volontariato lasciando i Comuni sempre più soli dinnanzi alle difficoltà dei cittadini“.

A dichiararlo, in un comunicato, è Lucia Tanti, capolista di Noi Moderati, i centristi di centrodestra, nel collegio plurinominale di Arezzo, Siena, Grosseto e Livorno alle prossime elezioni politiche.

“La situazione rischia di desertificare il tessuto produttivo e sociale delle nostre città. Non servono soluzioni fantasiose, né serve buttare la palla in tribuna, serve reagire come abbiamo fatto per la pandemia – spiega Tanti -. La proposta che facciamo è concreta e possibile: utilizzare la programmazione dei fondi europei delle Regioni e dello Stato, come il Por-Fesr e i Fondi di Sviluppo e Coesione per i rimborsi degli extra-costi. La Direttiva Von Der Leyen ha consentito questo uso dei fondi europei durante l’emergenza Covid per ristorare le imprese dai danni della pandemia e possiamo estenderlo al terzo settore. Tutto ciò permetterebbe di intervenire senza ulteriori scostamenti di bilancio e quindi senza indebitarci per il futuro”.

“Per le famiglie, invece, è necessario seguire lo schema che si fa con i mutui delle case dopo una calamità. Occorre cioè prevedere subito un rateizzo delle cifre in bolletta, spalmate in un lunghissimo tempo e ovviamente a interessi zero – termina Lucia Tanti -. Questo nell’immediato, ma fin da subito è necessario semplificare tutte le procedure per la costruzione di impianti utili alla generazione di energia, dai pannelli solari all’eolico, dai termovalorizzatori al nucleare“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button