CronacaGrossetoIn evidenza

Lotta a furti e rapine, Grosseto battuta a tappeto dai Carabinieri: tre persone arrestate nella notte

3 persone arrestate, altre 126 identificate, tra cui 31 stranieri senza fissa dimora ed apolidi, 71 veicoli controllati e 17 soggetti perquisiti perché pizzicati in atteggiamento sospetto.

E’ il bilancio di una vasta operazione di controllo del territorio condotta durante le festività pasquali dai Carabinieri della Compagnia di Grosseto, con l’obiettivo di prevenire furti e rapine, vigilare sulla sicurezza stradale e ricercare armi, droga, attrezzi da scasso e refurtiva.

I militari, in uniforme e in borghese, hanno battuto a tappeto il centro storico di Grosseto e le mura medicee, grazie anche all’impiego di pattuglie a piedi; durante questa operazione, sono state identificate persone sospette e quelle con alle spalle precedenti reati e già note alle forze dell’ordine.

Quindi, i controlli dei Carabinieri, a cui hanno partecipato 35 uomini, si sono spostati nella notte appena trascorsa verso la periferia cittadina, specialmente in quelle zone più colpite nei mesi scorsi da furti, come il quartiere di Barbanella.

E proprio  qui, intorno all’una, in viale Uranio, i militari del Norm hanno pizzicato una grossetana di 40 anni ed un 34enne serbo mentre stavano rubando un motociclo. Il veicolo è stato restituito al legittimo proprietario, mentre i due sono finiti in manette e condotti agli arresti domiciliari.

Alle 4, invece, lungo via Castiglionese, un disoccupato grossetano di 21 anni non si è fermato all’alt intimato dai Carabinieri durante un posto di blocco, mentre era in sella al suo ciclomotore. Alla vista dei militari, il giovane è fuggito, lasciando il motorino e correndo a piedi per le vie limitrofe. Le forze dell’ordine sono riuscite a bloccarlo, ma, a quel punto, il 21enne ha sferrato alcuni calci verso i Carabinieri, procurando loro lievi lesioni.

Il giovane è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e trattenuto nella camera di sicurezza della caserma del Comando provinciale dell’Arma.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button