Cultura & SpettacoliGrosseto

“Nanni del bar e il professore”: Giovanni Lanzini presenta il suo libro

L'iniziativa è in programma martedì 29 giugno, alle 17.30, nel chiostro della biblioteca comunale Chelliana

Martedì 29 giugno, alle 17.30, nel chiostro della biblioteca comunale Chelliana di Grosseto verrà presentato il libro “Nanni del bar e il professore”, uscito dalla penna di Giovanni Lanzini ed edito da Heimat.

Nato a Cinigiano nel 1962, Lanzini è un “personaggio” molto conosciuto a Grosseto come storico e stimato insegnante di musica nella scuola e, a livello internazionale, come insigne clarinettista, solista, membro e fondatore di gruppi di musica da camera di rilievo e con alle spalle una solida carriera di concerti, incisioni discografiche e registrazioni radiofoniche e televisive. All’intensa attività musicale, Giovanni Lanzini ha da sempre affiancato quella di instancabile organizzatore di concorsi di musica per i giovani e di svariate rassegne concertistiche, senza mai però perdere di vista il suo amore per la scrittura e l’attaccamento al proprio territorio e alle proprie tradizioni, delle quali gli piace esserne testimone attraverso uno stile narrativo fluido e immediato ma mai privo di emozione.

Interverranno alla presentazione Luca Agresti, assessore alla cultura del Comune di Grosseto, l’autore e l’editore di Heimat Cesare Moroni. Farà da moderatrice la giornalista e scrittrice Dianora Tinti. Anche se l’evento più atteso sarà certamente quello (sempre che si riuscirà a convincerlo a partecipare) del mitico “Nanni del bar” figura emblematica e simpaticissima, che in questi mesi ha impazzato sui social con le sue “perle” senza mai rivelare né il suo volto, né l’esatta ubicazione del proprio fortunato bar, teatro buffo e improvvisato di tutte le storie, le storielle, gli aneddoti, le ottave rime del poetico barista e vari ritagli di vita del nostro territorio.

“Un dialogo continuo, ora serio ora dolcemente scanzonato, tra un professore di mezza età e Nanni, il barista del paese che ne è il suo alter ego, in un paesino qualunque, uno come ve ne sono tanti (e quasi tutti uguali) con il proprio bar nella piazza, la torre civica e la chiesa, adagiato nella campagna della Maremma Toscana, ma non così troppo lontano dal proprio capoluogo Grosseto per non risentirne degli echi e viverne gli effetti – spiega Giovanni Lanzini -. Tante storie, più o meno importanti, di vita quotidiana alternate a racconti, ricordi, aneddoti e proverbi. Tante scenette vivaci tipiche dei ‘racconti al canto del fuoco’ di tradizione orale dove ai guizzi e alle perle del frizzante, esilarante e a volte un po’ scorbutico personaggio del barista fanno da spalla le riflessioni quiete e serene del professore”.

“Due personaggi, quelli di Nanni e del professore, che si ammirano a vicenda anche quando battibeccano fra di loro, che si amalgamano e si cercano di continuo, quasi a volersi completare più che confrontare sopra il solido antico collante dell’amicizia, della solidarietà umana e del rispetto della persona. Un palcoscenico spontaneo e improvvisato, quello del paese e del bar di Nanni, dove le comparse altrettanto casuali sono i paesani stessi e gli avventori del bar, sullo sfondo di un paesaggio rurale rimasto, per certi versi, ancora incontaminato e dove le tradizioni e il lavoro dell’uomo sono ancora rigorosamente scanditi dall’avvicendarsi delle stagioni – termina Lanzini -. Il linguaggio usato nel libro, volutamente lasciato a metà strada fra la lingua italiana e il dialetto maremmano, è stato più volte sgrossato, limato e cesellato, così da risultare il più possibile comprensibile anche a chi maremmano non lo è, cercando però al tempo stesso di non fargli mai perdere quella freschezza e quella spontaneità che è la prerogativa di tutti i dialetti.

Al termine della presentazione, a partire dalle 19, l’autore firmerà volentieri le copie del libro alla Libreria Mondadori in corso Carducci. L’ingresso alla biblioteca è libero e gratuito, ma (in ottemperanza ai Dpcm anti Covid) la prenotazione è obbligatoria, chiamando la biblioteca stessa ai numeri 0564.488054 o 0564.488055.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button