“Ceramica ad Asciano”: il libro presentato al Museo archeologico

Sabato 8 dicembre, alle 17.00, nella sala conferenze del Museo archeologico e d’arte della Maremma di Grosseto, si terrà la presentazione del libro “Ceramica ad Asciano. Ritrovamenti nel centro storico (secoli XIV-XIX)”, a cura degli autori Francesco Brogi e Giovanni Maccherini.

La pubblicazione conclude e riassume un progetto di studio avviato nel 2015, nato dalla volontà di acquisire nuove informazioni in merito alla produzione e alla circolazione della ceramica ascianese.

Le indagini, condotte da Francesco Brogi con la collaborazione di Giovanni Maccherini (Mencia D’oro 2018 proprio per gli studi di ceramica), Elisa Rubegni e Edmondo Falaschi, hanno permesso nuove significative scoperte, come il recupero di circa 15.000 frammenti vascolari da due pozzi di butto situati in piazza del Grano ad Asciano.

Sarà questa l’occasione per approfondire le numerose assonanze con le maioliche locali grossetane, quali quelle recuperate nel 1978 durante lo scavo del Cassero senese.

Il progetto nasce grazie ad una convenzione stipulata tra amministrazione comunale di Asciano e Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana che, tra 2015 e 2016, ha permesso la realizzazione di un scavo archeologico su due pozzi di butto individuati all’interno di una proprietà privata in piazza del Grano, grazie al quale è stato possibile recuperare circa 15000 frammenti di ceramica, databili dal XIV al XIX secolo.

Dato l’eccezionale ritrovamento, l’associazione culturale Arca (Associazione ricerche culturali Asciano) si è fatta carico del progetto di restauro e di allestimento all’interno del Museo civico di Palazzo Corboli, grazie al sostanziale contributo dell’amministrazione comunale, BancaCras e Misericordia. Il progetto, inserito nell’ambito della iniziativa “Lauretana 2017” e Musst, quest’ultima capeggiata dalla Pinacoteca nazionale di Siena, ha previsto l’organizzazione di un “open lab” svoltosi all’interno del Museo di Palazzo Corboli nei mesi di marzo-maggio 2017 con lo scopo di far assistere i visitatori alle fasi di studio in corso. Le ricerche, inoltre, si sono avvalse di tecniche innovative, come il rilievo 3D, applicato ad alcune forme ceramiche, e organizzate all’interno dell’iniziativa denominata “3D Modeling@MuseoCorboli”.

L’evento è organizzato in collaborazione con Comune di Asciano, Arca Associazione, Crete Senesi Toscana, Museo Cassioli e Associazione Archeologica Maremmana.

Ingresso gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top