Pubblicato il: 7 Luglio 2020 alle 15:24

Colline del FioraCultura & Spettacoli

Letture al museo: spazi d’autore degustando a Pitigliano

Venerdì 10 luglio, primo appuntamento al Museo archeologico all'aperto Alberto Manzi

Al via il ciclo di incontri Letture al Museo, spazi d’autore degustando, in programma al Museo archeologico all’aperto Alberto Manzi, di Pitigliano: da venerdì 10 luglio, quattro appuntamenti, tutti di venerdì, fino alla fine del mese con la presentazione dei libri e la degustazione dei vini.

In ottemperanza alle prescrizioni per il contenimento del COVID-19, la partecipazione è a numero chiuso (massimo 20 persone a incontro): è indispensabile prenotare al 347 9027500.

“Letture al Museo torna a grande richiesta dopo il successo delle scorse edizioni – commenta Irene Lauretti, assessore alla Cultura del Comune di Pitiglianoun format che piace per il luogo in cui si svolgono gli incontri, nel museo archeologico all’aperto, completamente immersi nella civiltà etrusca, e per la gradevole combinazione tra il libro e la degustazione dei vini. Quest’anno il filo conduttore che lega i primi tre appuntamenti è la storia: i testi sono a contenuto storico- archeologico, svelando curiosità su abitudini e stili di vita del passato, in un emozionante viaggio a ritroso nel tempo. L’ultimo libro che sarà presentato, dal titolo Silenzio, è invece una lucida analisi sulla società di oggi “.

Ad ogni appuntamento interverrà l’autore del testo e il direttore scientifico del musei civici, Debora Rossi, che avrà il compito di moderare l’incontro. In degustazione anche alcuni vini del territorio. Il ciclo di incontri è promosso dai Musei civici archeologici, in collaborazione con la Cooperativa Zoe e il Comune di Pitigliano e con la partecipazione dell’Ais associazione italiana sommelier – delegazione di Grosseto.

“Per il Comune di Pitigliano – prosegue l’assessore Irene Lauretti – è un’importante operazione culturale: garantire occasioni pubbliche per avvicinare i cittadini al libro, significa dare il proprio contributo alla riscoperta del piacere della lettura, con un’azione duratura nel tempo, perché leggere può creare benessere e rendere felici esattamente come guardare il tramonto o sorseggiare un buon vino. E chi scopre il piacere della lettura, tende poi a trasformarla in una sana abitudine.”

L’ingresso alle iniziative è gratuito. E’ richiesto un contributo di 5 euro per l’acquisto del calice da degustazione serigrafato con il logo dei musei civici archeologici di Pitigliano, funzionale alla mescita dei vini in assaggio. Il servizio dei vini in degustazione sarà curato dai sommelier professionisti dell’Associazione Italiana Sommelier, Delegazione di Grosseto.

Ma ecco il programma di Letture al Museo:

Venerdì 10 luglio, alle 18, presentazione del libro “A tavola con gli antichi romani” di Giorgio Franchetti, ed. Efesto 2017. In degustazione i vini Tenuta Val delle Rose, Famiglia Cecchi.
Come mangiavano gli antichi romani? Quanto spendevano per mangiare fuori casa? Cosa avremmo trovato nelle locande dell’epoca? Esistevano già le diete? E i sommelier? A queste, e ad altre domande, prova a rispondere l’autore di questo libro, che vi prenderà per mano e vi condurrà in un incredibile e coloratissimo viaggio nel tempo alla scoperta delle abitudini alimentari dei romani.

Venerdì 17 luglio, alle 18, presentazione del libro “Tevere controcorrente” di Marzo G. Mian, ed. Neri Pozza 2019. In degustazione i vini Villa Corano di Stefano Formiconi.
Nessun fiume al mondo ha visto scorrere tanta storia, assistito a eventi così determinanti per i destini dell’umanità intera… È un fiume sconosciuto; percorrerlo oggi, dalla foce di Ostia alle sorgenti in Romagna, è come esplorare una regione esotica, viaggiare tra le rovine d’una civiltà perduta che ha smarrito il contatto con il passato, la terra, il senso del divino. È ancora il fiume simbolo della nazione – forse dell’Occidente –, Storia fatta d’acqua, che custodisce il mito, l’identità, la bellezza e il capolavoro; ma anche via maestra da cui osservare la decadenza dell’Italia, di Roma, degli Appennini che si spopolano, dei borghi passati dal misticismo al materialismo. Risalendo alla sacra fonte, in compagnia di Enea, dei Borgia, di San Francesco e di tutte le figure che hanno segnato la biografia del Tevere, ma anche insieme a personaggi di oggi dal fascino romanzesco.

Venerdì 24 luglio, alle 18,00 presentazione in anteprima nazionale del libro “Giganti d’Etruria. Viaggio fra i tumuli principeschi” di Alessandro Mandolesi, ed. All’insegna del Giglio 2020. In degustazione i vini La Murciaia di Massimiliano Rossi e Agriturismo Resort Fonte Vulci.
Gli Etruschi edificarono grandi ed eleganti tumuli artificiali per contrassegnare le tombe dei personaggi più prestigiosi. Queste spettacolari costruzioni, ispirate probabilmente a una tipologia diffusa nel Mediterraneo orientale, svettano ancora oggi nei paesaggi della campagna tosco-laziale. E nelle necropoli urbane di Cerveteri, Tarquinia, Vetulonia, Populonia e Cortona trovano la loro massima espressione. Giganti d’Etruria è la prima guida dedicata ai grandi tumuli etruschi, corredata da un eccezionale servizio fotografico.

Venerdì 31 luglio alle 18 presentazione del libro Silenzio di Patrizio Nissirio, ed. Giulio Ensemble 2019. In degustazione i vini della Cantina Cooperativa di Pitigliano. Un uomo sulla mezza età non sopporta più il rumore. Questo mondo chiassoso e aggressivo, diverso dal futuro che immaginava da ragazzo, ormai lo opprime. Decide di mollare tutto, lascia Roma e si rifugia su una minuscola isola della Laguna di Venezia. Ma quando pensa di aver trovato il suo nascondiglio, arriva una macabra scoperta… Silenzio racconta come sia impossibile nascondersi da una vita che in un modo o nell’altro presenta sempre il conto.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su