Pubblicato il: 26 Gennaio 2019 alle 13:44

Colline del FioraCosta d'argento

Posta a singhiozzo, Bellumori scrive ai sindaci: “Incontriamoci per valutare ricorso al Tar”

Il sindaco di Capalbio, Luigi Bellumori, ha scritto una lettera ai sindaci di Orbetello, Magliano, Sorano, Pitigliano, Monte Argentario e Manciano, in merito alla consegna a giorni alterni della posta in molti comuni maremmani.

Ecco il testo integrale della lettera:

“Come noto nel passato il Comune di Capalbio in più occasioni ha espresso la propria contrarietà al modello organizzativo di consegna della corrispondenza a giorni alterni che comporta, come avevamo paventato ai responsabili fiorentini di Poste Italiane, evidenti difficoltà stante anche l’ampiezza del territorio e la dislocazione di gran parte dei cittadini nelle campagne.

Anche a voi, come al sottoscritto, perverranno quotidianamente lamentele da parte dell’utenza di ritardi nelle consegne con evidenti e conseguenti disservizi.

Insomma, anche su questo servizio pubblico ritenuto universale da salvaguardare e garantire, i nostri territori rientrano tra i cosiddetti marginali nei quali l’equilibrio economico delle gestioni diventa il parametro per decidere di chiusure, di variazioni di orario d’apertura degli uffici o della riduzione dei giorni di consegna della corrispondenza, in questo caso, in altri il definitivo abbandono del presidio.

Ritengo sia utile un confronto anche tra noi della zona sud ed assumere posizioni determinate, non per ultimo il ricorrere al Tribunale amministrativo per far valere le ragioni dei cittadini. L’occasione che anche altri Comuni maremmani in queste ultime settimane stanno sollevando la problematica può essere colta per fare tutti insieme un fronte comune“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su