Bando periferie, il Pd: “Fondi scippati ad altri Comuni, Lolini non ha alcun merito”

Definire il bando periferie una marchetta proprio oggi, alla luce delle dichiarazioni del sindaco Vivarelli Colonna, ha del paradossale“.

È così che il segretario dell’Unione comunale di Grosseto, Leonardo Culicchi, entra a gamba tesa nel dibattito relativo all’emendamento contenuto nel decreto Milleproroghe, chiarendo la posizione del partito locale: “Premettendo che ci sono aspetti ancora da chiarire – continua Culicchi, per quanto mi riguarda, ad avere le priorità su ogni altra cosa è il bene comune. Le liti a colpi di note stampa di carattere esclusivamente politico, pertanto, non mi riguardano. Ad oggi, non posso che dirmi sollevato del fatto che le risorse che si è aggiudicata la città di Grosseto siano salve“.

Com’è noto, i primi 24 Comuni in graduatoria non vedranno sfumare le risorse destinate alla riqualificazione delle aree più difficili delle città, ponendo finalmente fine alla cattiva gestione degli spazi urbani e, soprattutto, al dilagante disagio sociale.

Quella del Comune – aggiunge il segretario non è altro che propaganda elettorale, considerando che l’intervento dell’onorevole Lolini nulla ha a che vedere con la questione. Al contrario, c’è da dirsi molto sollevati del fatto che la città di Grosseto possa dirsi salva, nonostante la misura a firma Movimento 5 Stelle e Lega, peraltro partito in cui lo stesso Lolini milita“.

La posizione del segretario, dunque, è chiara: “Da leghista, Lolini non può che sentirsi in forte imbarazzo nell’aver appoggiato la scelta del governo giallo-verde di aver letteralmente scippato risorse già assegnate a città che avrebbero la forte necessità di rispondere ad esigenze impellenti, che vanno dall’emergenza abitativa alle nuove povertà. Al sindaco Vivarelli Colonna non resta altro da fare che tirare un sospiro di sollievo e tenere gli occhi bene aperti per il futuro, non dimenticando di ringraziare il Governo Renzi per quanto fatto per la sua città e iniziando seriamente a preoccuparsi per l’operato del Governo a guida Salvini Di Maio, visto anche quanto sta accadendo con il Decreto dignità e Sei Toscana“, conclude Culicchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top