Pubblicato il: 19 Aprile 2019 alle 14:37

Ambiente

Tirrenica, Legambiente: “La politica faccia il proprio mestiere e agisca nell’interesse della comunità”

In Maremma, continua il dibattito sulla Tirrenica e dal Governo centrale ancora non arrivano certezze in merito al futuro del nostro territorio.
Rimandare la decisione di adeguare l’Aurelia significa continuare a non garantire ai cittadini un’arteria sicura e ciò è assolutamente inaccettabile. Dopo anni di battaglie, è arrivato il momento che le istituzioni prendano una posizione e inizino a ragionare finalmente in termini operativi. La Maremma – ha dichiarato Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente ha necessità di risposte e queste riposte devono arrivare il prima possibile dal Governo. La Maremma ha bisogno di una strada sicura che completi e renda moderno e sostenibile il corridoio tirrenico e questo non lo chiede solo Legambiente. Sono troppi gli incidenti che avvengono sull’Aurelia per continuare a fare finta di nulla e rimbalzare le responsabilità. E se c’è una cosa che deve essere chiara è che l’Aurelia sicura non deve essere considerato un miraggio. Questa strada, con la buona volontà e l’impegno da parte dei governanti, può diventare un’infrastruttura moderna, sicura e funzionale.

Per questo motivo, è necessario adoperarsi per aprire i cantieri subito, proprio a partire dai pericolosissimi tratti a due corsie, adeguando l’intero tratto dell’Aurelia, e sbloccare un’opera che ormai da troppo tempo attende risposte chiare. Ciò anche a seguito del parere dell’avvocato generale della Corte di giustizia UE di qualche settimana fa in merito all’illegittimità della proroga della concessione data a Sat per la Tirrenica che rappresenta a tutti gli effetti uno stop definitivo della realizzazione di un’opera assolutamente incompatibile sotto il profilo ambientale con il nostro territorio oltre che del tutto insostenibile sotto il profilo economico. Il problema è che, nonostante l’accordo raggiunto da Regioni, Comuni e il Governo che ha preceduto l’attuale per realizzare l’adeguamento della statale Aurelia senza ricorrere all’autostrada antieconomica ed impattante, ancora oggi ci troviamo di fronte ad una situazione stagnante.
Apriamo con la massima urgenza un tavolo per lo stanziamento dei fondi e per dare seguito all’iter della messa in sicurezza dell’Aurelia: la migliore soluzione per i cittadini che finalmente potranno contare su un’arteria gratuita e sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico.

Legambiente – ha concluso Gentili – chiede con forza al Governo centrale di attivarsi con la massima efficacia, rispondendo all’appello dei cittadini, delle associazioni e delle istituzioni locali. La politica faccia il proprio mestiere e agisca nell’esclusivo interesse della comunità, mettendo in salvo la vita degli automobilisti una volta per tutte e garantendo il completamento del corridoio tirrenico.”

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su