Pubblicato il: 25 Ottobre 2017 alle 15:30

Colline MetalliferePolitica

Lega Nord: “Preservativi, escrementi e profughi nel parco giochi. Il prefetto intervenga”

Alla Lega Nord Grosseto sono giunte numerosissime lamentele e segnalazioni da parte di molti abitanti, ma soprattutto da alcune mamme di Ribolla”.

A dichiararlo, in un comunicato, è il Carroccio grossetano.

“Le  segnalazioni  riguardano in modo particolare la preoccupazione che hanno le mamme su come viene utilizzato l’unico parco giochi del paese – continua la nota -. A quanto pare il parco giochi è divento off limits per i naturali utilizzatori ( i bambini), in quanto il parco è perennemente occupato da bivacchi di presunti profughi, è sporco per la presenza di escrementi e preservativi, da alcuni giorni sembra che il numero degli stessi sia cresciuto in modo esponenziale, hanno visto e fotografato una settantina di presunti profughi tra uomini e donne in quel poco spazio”.

Tiziano Rombai, della segreteria provinciale della Lega Nord Grosseto, al riguardo, è molto preoccupato “su chi controlla queste persone, visto che il controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine non è il massimo”.

Incalza Rombai: “Domando al prefetto, ci deve scappare il morto o uno stupro? Visti soprattutto gli ultimi fatti successi riguardo l’incidente stradale di pochi giorni fa. Non è l’ora che la domiciliata nel palazzo del governo faccia qualcosa? Sono tutti ragazzi tra i 20 e 30 anni uomini e donne  ben vestiti, con le loro cuffiette, nel pieno delle forze, con gli ormoni che girano a 1000, spero che nessuno di loro faccia atti osceni  nel parco davanti ai nostri bimbi, già rimane solo la speranza perché la vigilanza è latitante, le forze dell’ordine sono da molto tempo all’osso, ancora lo Sprar non è operativo quando a gennaio sarà operativo, ci sarà una accozzaglia di migranti”.

A quanto pare i migranti sono privi di assoluto controllo, si muovono indisturbati, tant’è  che quelli accolti alla Castellaccia vanno a Ribolla nelle ore più impensate, ma soprattutto nelle ore notturne con biciclette di fortuna, mettendo a rischio sia la propria incolumità che quella dei cittadini residenti in quelle zone – termina Rombai -. D’altra parte, per alcuni schieramenti politici, il business dell’accoglienza è questo, più sono più si guadagna e i cittadini si arrangino”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su