Cultura & SpettacoliFollonica

Le Giornate Fai di Primavera sbarcano a Follonica: il programma delle visite guidate

L'iniziativa si terrà sabato 15 e domenica 16 maggio

Sabato 15 e domenica 16 maggio, dalle 9.30 alle 12 e dalle 14 alle 17, appuntamento con le Giornate Fai di Primavera a Follonica, alla scoperta delle “Visioni granducali tra ferro, mare e natura: la città fabbrica di Follonica”, una visita guidata sulle tracce del passato siderurgico della città che fondeva il ferro proveniente dall’Isola d’Elba.

Leopoldo istituì la città-fabbrica con il nome altisonante di “Imperiale e reale Amministrazione delle Miniere di Rio e delle Fonderie del ferro di Follonica”. Oggi la città-fabbrica, monumento di archeologia industriale, è stata recuperata e restaurata, diventando un polo culturale.

Nel rispetto della normativa anticovid per partecipare alle Giornate Fai di Primavera è necessaria la prenotazione on line sul sito del Fai, scegliendo una delle fasce orarie disponibili. Le visite saranno organizzate in gruppi di 15 persone e avranno una durata massima di 2 ore circa a gruppo. All’atto della prenotazione verrà chiesto dal Fai un contributo minimo a partire da 3 euro.

Ad ogni tappa esperti ciceroni, volontari del Fai, accoglieranno i visitatori per raccontare la storia del bene. Sarà possibile incontrare anche il Granduca Leopoldo II di Lorena con la sua consorte e altri personaggi del passato, grazie alla presenza di figuranti in abiti d’epoca.

L’iniziativa è promossa dalla delegazione provinciale Fai di Grosseto in collaborazione con l’assessorato alal cultura dell’amministrazione comunale di Follonica. Gli organizzatori ringraziano inoltre il Reparto Carabinieri Biodiversità di Follonica; la cooperativa Zoe; Follos 2000. Un grazie particolare al Museo Magma e alla biblioteca della Ghisa nella persona della direttrice Claudia Mori.

Le giornate Fai di Primavera – commenta Barbara Catalani, assessore alla cultura del Comune di Follonica – rappresentano un momento di grande valore per il patrimonio nazionale e sapere che tra questi tesori possiamo ascrivere l’area ex Ilva di Follonica è proprio una grande soddisfazione. Il patrimonio di archeologia industriale rappresenta un valore storico straordinario perché testimone della nostra storia recente”.

“Le Giornate Fai di Primavera sono la più grande festa di piazza dedicata al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese – afferma Mari Pia Vecchi, capodelegazione del Fai della provincia di Grosseto –: nel weekend del 15 e 16 maggio in tutta Italia saranno aperti in contemporanea 600 beni in oltre 300 città. Lo faremo nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anticovid, ospitando solo le persone che hanno una prenotazione on line, sperando di poter tornare il prima possibile alla normalità, aprendo di nuovo a tutti come abbiamo fatto nelle edizioni precedenti. Quest’anno l’evento è particolarmente importante perché ci consente di annunciare la nuova visione del Fai, che è quella di avere maggiore riguardo e consapevolezza per la tematica ambientale, fil rouge di tutte le aperture sul territorio nazionale. L’obiettivo è quindi coniugare la visione umanistica che caratterizza da sempre il Fai con quella scientifica e naturalistica. A Follonica l’elemento ambientale è la visita al giardino botanico del Palazzo Granducale.

Cosa si potrà vedere a Follonica

La visita comincia dal Cancello magonale delle fonderie Ilva, magnifico manufatto in stile neoclassico interamente in ghisa, commissionato ad Alessandro Manetti nel 1831 dal Granduca Leopoldo II di Lorena, per chiudere il perimetro che separava la fabbrica dalla restante parte della città.

La seconda tappa è il Palazzo granducale, l’edificio a 3 piani costruito nel 1845 per ospitare il Granduca Leopoldo II durante le sue numerose visite a Follonica. Attualmente sede del Reparto Carabinieri Biodiversità, l’edificio per le Giornate Fai di Primavera apre eccezionalmente le porte ai visitatori del Fai del secondo piano, dove risiedeva il Granduca e dove è ancora possibile ammirare gli affreschi e i busti in ghisa di Leopoldo II di Lorena, in stile neoclassico.

La terza tappa è rappresentata dalla visita del giardino botanico, ricco di specie autoctone realizzato dal Reparto Carabinieri Biodiversità. Il giardino è simbolicamente il fulcro di questa edizione delle Giornate Fai dedicate alla tematica ambientale.

Quarta tappa del percorso è il forno di San Ferdinando, l’edificio più antico della città, sede dello splendido museo Magma, del quale sarà possibile visitare il forno di fusione.

Il viaggio prosegue verso la Biblioteca della ghisa, un tempo officina meccanica, della quale sarà possibile visitare in via del tutto eccezionale i sotterranei mai aperti ai visitatori. In via eccezionale sarà visitabile anche il carbonile che raccoglieva il carbone vegetale eccedente.

Poi una sosta al teatro Fonderia Leopolda e fuori dal perimetro magonale la visita alla chiesa di San Leopoldo in stile neoclassico, realizzata con numerosi elementi in ghisa, da Manetti e Reishammaer, e consacrata nel 1838 alla presenza di Leopoldo II di Toscana.

Prenotazioni solo on line

Sarà possibile prenotare fino alle 24 del 14 maggio per partecipare alla giornata del 15 maggio e fino alle 24 del 15 maggio per partecipare alle visite del 16 maggio, salvo esaurimento posti disponibili. Per prenotare l’evento di Follonica, consultare il link https://faiprenotazioni.fondoambiente.it/evento/la-citta-fabbrica-leopoldina-39244/.

Le Giornate Fai di Primavera sono un’importante occasione di raccolta fondi per consentire a tutti di sostenere la missione del Fai. E’ possibile iscriversi o rinnovare la tessera on line o al banchino del Fai durante le Giornate di Primavera.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button