Colline MetallifereSalute

L’Acat promuove un laboratorio per imparare a gestire i disagi sociali

“Laboratorio di sensibilizzazione all’approccio ecologico-sociale alla promozione del benessere nella comunità”: è questo il titolo del seminario promosso dall’Associazione Club Alcologici Territoriali di Grosseto, insieme alla Confraternita della Misericordia di Civitella Marittima e al Coordinamento dei comitati ambientalisti della provincia di Grosseto, e finanziato dal Cesvot, il Centro servizi per il volontariato della Toscana, nell’ambito dei Progetti di innovazione 2012, in programma da lunedì 19 a venerdì 23 novembre alla scuola media “G. Ungaretti” di via Portogallo a Grosseto.

Un percorso formativo, realizzato in collaborazione con Coeso – Società della salute, Asl 9 di Grosseto, il dipartimento di salute mentale e l’unità operativa educazione alla salute della Asl 9, il Centro alcologico territoriale funzionale di Grosseto e con il patrocinio dell’Associazione regionale dei club alcologici territoriali della Toscana, che ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti un approccio multidimensionale e intersettoriale a diversi disagi e sofferenze presenti nella comunità.

Il seminario si ispira, infatti, al tradizionale corso di sensibilizzazione all’approccio ecologico sociale ai problemi legati all’alcol, il metodo “Hudolin”, per applicarlo anche ad altri tipi di difficoltà come l’uso di sostanze, il gioco d’azzardo, la violenza domestica, disagi psicologici, relazionali ed esistenziali.

L’obiettivo è quello di formare dei “promotori del benessere nella comunità”, a prescindere dalla posizione professionale e sociale: il corso, infatti, è rivolto a operatori socio-sanitari (come medici, psicologi, assistenti sociali, infermieri), ma anche amministratori, insegnanti, studenti, volontari e, più in generale, cittadini. Per alcune di queste categorie, inoltre, è previsto alla conclusione del percorso il riconoscimento di crediti formativi.

A condurre il laboratorio, che si articola in lezioni frontali, discussioni, lavori di gruppo e visite esterne, saranno professionisti e volontari attivi da anni in provincia di Grosseto e a livello nazionale.

Per informazioni, è possibile rivolgersi a Giuseppe Corlito, al numero di telefono 338.9715576 o all’indirizzo e-mail giuseppe.corlito@tin.it, e per le iscrizioni a Elia Tassi, al numero di telefono 334.8017657 o all’indirizzo e-mail eliatassi@virgilio.it.

Fonte foto: http://acatgrosseto.wordpress.com/

Fonte foto:

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button