EconomiaGrosseto

La Maremma prima meta in Toscana secondo Trivago

La Maremma Toscana conferma un’ottima “brand reputation” secondo Trivago, il motore di ricerca specializzato nella comparazione e nella valutazione degli hotel di tutto il mondo.

La “brand reputation”, ovvero la valutazione dell’azienda da parte dell’utente infatti sta diventando un fattore che le imprese tengono sempre più in considerazione ponendo più attenzione al consumatore finale, il quale attraverso un voto sul sito può determinare il successo (o l’insuccesso) dell’azienda stessa.

Siamo davanti ad un dato molto positivo sul gradimento complessivo della destinazione turistica Maremma Toscana – commenta Gianfranco Chelini, assessore provinciale al Turismo –   confermato da quello che è il secondo sito al mondo di recensioni sugli hotel. Trivago, con cui abbiamo da tempo generato una collaborazione ,  mette la Maremma Toscana al primo posto per gradimento complessivo   rispetto ai    competitor individuati, ovvero la Costa Dorada, le Bocche del Rodano( la Camargue)  e il Salento: si tratta di un successo che premia il grande il livello qualitativo dell’offerta turistica della nostra provincia”.

Un’altra conferma per il turismo nostrano arriva poi da una ricerca di Confartigianato che ha recentemente stilato la classifica delle province turisticamente più apprezzate: Grosseto è quinta in Italia e prima in Toscana.

L’importanza del web marketing è confermato da tutte le ricerche e dalla crescita importante  i tour operator on line  – spiega il dirigente dell’amministrazione provinciale Francesco Tapinassi – l’aver improntato molto del nostro lavoro, in stretta collaborazione con le scelte della Regione Toscana, sopratutto sulla rete consente di avere strumenti in grado di monitorare la nostra competitività e raggiungere  piccoli successi come  del sito turistico www.turismoinmaremma.it che è tornato ad essere primo sito su Google nelle ricerche con la parola “Maremma”  .E’ proprio sul web, quindi, che dobbiamo essere presenti per aumentare la competitività”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button