Attualità

“La Maremma a fianco delle donne”: Provincia e Comune in difesa della Convenzione di Istanbul

Un drappo a sostegno delle cittadine turche contro le violenze

L’amministrazione provinciale e la rete “La Maremma a fianco delle donne” sostengono le cittadine turche e tutte le donne contro la decisione del presidente Erdogan di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul che contrasta la violenza maschile.

Per farlo, oggi dal balcone di palazzo Aldobrandeschi è stato esposto un drappo in cui a chiare lettere si esprime tale sostegno. Molti Comuni hanno aderito al progetto: Grosseto, Capalbio, Scarlino, Massa Marittima, Orbetello, Roccastrada, Roccalbegna, Sorano, Manciano, Civitella Paganico e Magliano in Toscana. Con loro anche la Proloco di Grosseto.

Già nei giorni scorsi la rete “La Maremma a fianco delle donne” ha chiesto con forza alle istituzioni nazionali ed europee di condannare senza mezze misure le decisione del Governo turco.

La violenza di genere va condannata sempre e comunque – affermano il presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna e la consigliera con delega alle Pari opportunità Olga Ciaramella –. Ritirarsi dalla Convenzione significa condannare i soggetti più fragili, soprattutto donne e bambini, a soprusi inaccettabili, come matrimonio forzato, stalking, violenze psicologiche e fisiche. Ci auguriamo che questa iniziativa, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica, dia un’ulteriore impulso alla condanna delle misure turche da parte di Governo e istituzioni. Ringraziamo ‘Maremma a fianco delle donne’ e tutti coloro che a vario titolo hanno già aderito a questo progetto”.

Il drappo resterà esposto per tutto il fine settimana.

Comune di Grosseto

Anche il Comune di Grosseto ha voluto aderire all’iniziativa promossa dalla Provincia e dalla rete “La Maremma a fianco delle donne” contro il ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul, con un proprio drappo esposto sulla facciata del Municipio.

Purtroppo la violenza sulle donne è ancora troppo diffusa – commentano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore alle Pari opportunità Chiara Veltroni e non dobbiamo mai abbassare la guardia. La Convenzione di Istanbul serve proprio a impegnare i Governi, affinché adottino leggi e norme contro la violenza in ogni suo aspetto, sottolineando come la disuguaglianza di genere sia la causa primaria della violenza. Per questo riteniamo fondamentale aderire all’iniziativa promossa dalla Provincia e dalla rete La Maremma a fianco delle donne”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button