Giorno del ricordo, La Forgia: “Il Comune intitoli una via alle vittime delle foibe”

Si avvicina il 10 febbraio, data stabilita per il “Giorno del Ricordo”, ricorrenza con cui ricordare le vittime delle Foibe.

La Forgia, neonata associazione culturale di Follonica, annuncia che celebrerà questo giorno organizzando una conferenza sul tema.

Una delle pagine più buie e intrise di sangue innocente della storia europea, che solitamente viene minimizzato, negato – afferma Alessandro Berardi, presidente dell’associazione – e che invece deve essere tenuto bene a mente”.

“Il tema delle foibe viene spesso messo in ridicolo, riposto in un angolo, come se non fosse degno della storia, soffocato dal pensiero unico. Fa molto chic affermare che in fondo i morti sono stati pochi e che quasi se lo sono meritato, in virtù di quella che viene definita un occupazione militare. Tutto questo deve essere assolutamente riconsiderato, è terribile e spietato il negazionismo che aleggia intorno a questa orrenda parte di storia e purtroppo trova anche spazi in dibattiti pubblici – prosegue Berardi –. Chiediamo, in osservanza alla legge n. 92 del 30 marzo 2004, quali iniziative siano state prese all’interno del Comune di Follonica per divulgare nelle opportuni sedi dibattiti celebrativi e commemorativi di questo eccidio avvenuto sulle popolazioni di nazionalità italiana e perpetrato dai partigiani titini”.

“Follonica, prima o poi, dovrà avere una via o una piazza che ricordi quei tragici eventi. Chiedo quindi al Sindaco Andrea Benini di onorare, almeno alla fine del suo mandato, la memoria di tutte quelle vittime innocenti e il dramma che ne seguì con l’esodo forzato di centinaia di migliaia di persone e di dedicare una parte di Follonica al ricordo. Come associazione, La Forgia – conclude il comunicatosta organizzando un evento pubblico sul tema, che sarà aperto all’intera cittadinanza, per il mese di febbraio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top