AmiataPolitica

Scorie nucleari, Jessica e Riccardo Ciaffarafà: “No allo stoccaggio in Maremma”

Siamo fortemente contrari alla individuazione da parte di Sogin di circa 100 ettari nella provincia di Grosseto, e nello specifico nel comune di Campagnatico, come area potenziale per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi. Ribadiamo pertanto la posizione già espressa in modo deciso dal coordinamento provinciale di Forza Italia per voce del coordinatore Sandro Marrini e della nostra deputata maremmana Elisabetta Ripani“.

A dichiararlo è Jessica Ciaffarafà, esponente di Forza Italia e coordinatore provinciale di Azzurro Donna.

“Anche dall’Amiata diciamo no a questo atto di arroganza da parte del Governo e avvallato in sostanza dal Pd e dai 5 Stelle – spiega Jessica Ciaffarafà, che non tiene assolutamente conto della vocazione turistica della nostra provincia e delle peculiarità ambientali con le quali le economie locali stanno costruendo il futuro in provincia di Grosseto. Individuare una zona così particolare per paesaggio, cultura e vocazione turistica indica la miopia e l’incapacità di questo Governo che contrasteremo con tutti i mezzi disponibili”.

“Non è una questione solo di Campagnatico, ma anche dell’Amiata e di tutta la provincia: conosciamo bene gli atti di prepotenza dei Governi con la compiacenza di alcuni amministratori locali. Nell’Amiata lo abbiamo subito con la costruzione della centrale geotermica a Santa Fiora, per esempio, senza il coinvolgimento delle popolazioni locali a favore solo del profitto e della convenienza di pochi”, aggiunge Riccardo Ciaffarafà, ex candidato sindaco e consigliere comunale a Santa Fiora.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button